Svelata l'identità di Siri: è Susan Bennett

La doppiatrice che ha prestato la voce all'assistente virtuale di Apple esce allo scoperto raccontando la propria storia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2013]

susan bennett siri

È uno strano regalo quello che Siri - l'assistente virtuale dell'iPhone - ha ricevuto per il proprio secondo compleanno: l'uscita allo scoperto della donna che le ha donato la voce.

Susan Bennett, doppiatrice di Atlanta, ha infatti deciso «dopo aver riflettuto parecchio» di svelare al mondo che è lei la donna la cui voce è ascoltata quotidianamente da milioni di americani.

La storia inizia nel 2005 quando Susan, in attività come doppiatrice dagli anni '70, viene contattata dalla Scansoft per la registrazione di diverse frasi per un nuovo progetto.

Per tutto il mese di luglio di quell'anno Susan affrontò sessioni quotidiane di quattro ore di registrazione, senza sapere che cosa poi l'azienda (oggi diventata Nuance Communications) avrebbe fatto del risultato.

Passarono quindi gli anni e nel 2011 Apple presentò l'iPhone 4S con Siri ma, non possedendone uno, Susan non inizialmente non si rese conto di essere diventata la voce dell'assistente virtuale: fu solo quando un amico, sospettando la verità, le chiese di guardare alcuni spot sul sito dell'azienda di Cupertino che tutto divenne chiaro.

Sondaggio
Dallo scorso 25 ottobre sono disponibili i nuovi iPhone di Apple. Ne acquisterai uno?
Sì, l'iPhone 5c: mi piacciono i nuovi colori. - 3.3%
Sì, il modello iPhone 5s: più potente e più performante, con la novità del riconoscimento dell'impronta digitale. - 12.0%
Sì, ma non ho ancora scelto quale tra i due nuovi modelli. - 0.9%
No, non ho la necessità di sostituire l'iPhone che sto già utilizzando adesso. - 18.9%
No, sto utilizzando un'altro smartphone e mi trovo bene così. - 59.7%
Non lo so, non ho ancora deciso. - 5.0%
  Voti totali: 1272
 
Leggi i commenti (11)

Da allora, la doppiatrice ha mantenuto il silenzio. Ora ha deciso di parlare raccontandosi in un'intervista televisiva, forse anche perché con iOS 7 è stata introdotta una nuova voce per Siri, frutto di registrazioni con una qualità audio più elevata.

In ogni caso, la Siri originale ha ora un volto, per lo meno in USA e nonostante Apple non abbia confermato le rivelazioni; quella italiana è invece ovviamente frutto del lavoro di una persona diversa, il cui nome è ancora segreto.

D'altra parte, le società che forniscono questo tipo di servizi non amano che la gente si concentri su chi presta la propria voce: sarebbe una distrazione dell'attenzione dal servizio stesso.

Qui sotto, il video dell'intervista in cui Susan interagisce con Siri: l'effetto è davvero curioso poiché, dato che la voce è la stessa, pare proprio che Siri (o Susan) parli da sola.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Siri alla guida è pericoloso quanto gli SMS
Apple conferma: dati di Siri per due anni sui nostri server
Arriva iOS 6 con Siri in italiano
iOS 5.0.1 regala Siri agli hacker
Siri anche sull'iPhone 4
iPhone 4S, più potente e dotato di assistente personale

Commenti all'articolo (2)


Preferivo quella vista in big bang theory. :D
9-10-2013 15:16

{d.}
ma solo a me la notizia ricora la "signorina del navigatore"? link
8-10-2013 08:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2328 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics