Senza DRM i brani musicali venderebbero il 10% in più

Uno studio mostra come le misure pensate per proteggere i brani e aumentare le vendite ottengano in realtà l'effetto opposto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-12-2013]

M drm

Steve Jobs l'aveva predetto nel 2007: «I DRM non hanno sono riusciti e non riusciranno mai a fermare la pirateria musicale».

Ciononostante, per anni le case discografiche hanno continuato ad apporre lucchetti sui propri brani, per lo più rendendo difficile la vita agli acquirenti legittimi senza dare alcun fastidio ai pirati.

Negli ultimi tempi, però, la tendenza ha iniziato a invertirsi e le varie protezioni hanno cominciato a scomparire.

Ebbene, le conseguenze di questa decisione sono diventate parte di uno studio (disponibile in formato PDF) condotto dalla ricercatrice Laurina Zhang dell'Università di Toronto.

Confrontando i dati reali di vendita dei medesimi brani sia nel periodo di utilizzo del DRM sia attualmente, ha notato come la sparizione dei lucchetti digitali abbia fatto bene alle vendite.

«Ho scoperto» - ha dichiarato - «che la rimozione del DRM ha fatto aumentare le vendite digitali del 10%».

Sondaggio
Qual Ŕ il tuo tipo di videogioco preferito?
Arcade
Avventura
Azione
FPS
Gestionale
Gioco di ruolo
Guida
Party game
Picchiaduro
Platform
Puzzle
Rhythm game
Serious game
Simulazione
Sportivo
Strategia

Mostra i risultati (1522 voti)
Leggi i commenti

Tale aumento, peraltro, non è stato costante per tutti i brani, ma è stato maggiore per quelli che vendono di meno. Gli album che vendono di meno (la cosiddetta coda lunga) hanno registrato un aumento del 30%, mentre quelli che già vendono molto non hanno subito incrementi significativi.

«I miei risultati» - ha commentato la ricercatrice a questo proposito - «confermano la teoria secondo la quale abbassare i costi di ricerca può facilitare la scoperta di prodotti di nicchia».

La musica senza DRM faciliterebbe insomma la condivisione dei file e la scoperta di nuovi generi e brani musicali, potenziando le vendite di quelli meno conosciuti; di contro, quelli già popolari non beneficerebbero di questo fenomeno in quanto già noti.

Non è dunque un caso se ormai il DRM è quasi completamente scomparso dai brani musicali in vendita (mentre resiste sugli e-book).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)


E' storia arcinota e risaputa che le uniche vittime dei DRM sono gli acquirenti onesti che pagano per avere un brano musicale o un film o un libro... Non credo proprio che ci sia bisogno di fare una ricerca ogni qualche mese per riscoprilo con sommo stupore... :roll:
12-12-2013 17:54

Ancora la scoperta dell'acqua calda? E' un pezzo che ogni tanto la scoprono. Il guaio Ŕ che ci sono quelli che la ricoprono subito perchŔ non gli piace. :evil:
11-12-2013 01:21

Con i DRM capita sovente che non si senta nulla e non vogliono restituirti i soldi con mille scuse! Indovinate perchŔ i e-book non si vendano... Ciao
10-12-2013 22:52

{W3C_PDB}
ma va ? che scoperta del cavolo che hanno fatto, Richard Matthew Stallman dice ci˛ da un'eternitÓ. Vedasi: Guide To DRM-Free Living: Audio "link"
10-12-2013 08:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (1235 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 dicembre


web metrics