Apple iWatch: energia solare, induzione o autocarica?

L'orologio intelligente si ricarica in modalità wireless ed è pieno di sensori per tenere la salute sotto controllo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-02-2014]

apple iwatch

Dopo un periodo di relativa calma sul fronte delle novità, Apple torna a far parlare di sé grazie alle indiscrezioni diffuse su iWatch, l'orologio intelligente che l'azienda di Cupertino dovrebbe lanciare nel corso dell'anno.

Finora le notizie in proposito erano piuttosto scarne: riguardavano per lo più la registrazione del marchio (una conferma indiretta del nome iWatch, non ancora ufficiale) e lo sviluppo di una particolare batteria curva, indispensabile per un dispositivo da indossare al polso.

Ora il New York Times rivela nuovi dettagli tra i quali in particolare emerge la modalità di ricarica, che sarà wireless.

Il motivo è evidente: se è accettabile - per quanto fastidioso - estrarre di tasca almeno una volta al giorno lo smartphone per collegarlo a una presa elettrica, non si può pensare che gli utenti facciano volentieri lo stesso con un orologio.

Così, pare che Apple stia sperimentando diverse strade. La prima, sulla quale si dice che l'azienda sia al lavoro da tempo, è la ricarica tramite energia solare: qualunque fonte luminosa permetterebbe ad iWatch di allungare la propria autonomia.

Le ricerche e i test condotti finora hanno però dimostrato che questo sistema è insufficiente a garantire una durata della batteria pari all'intera giornata, così Apple avrebbe deciso di vagliare anche diverse alternative.

Una di queste è la ricarica a induzione magnetica, analoga a quella adoperata da Nokia per i propri Lumia; anche in questo caso occorre però tenere l'orologio vicino alla base per la ricarica.

Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2797 voti)
Leggi i commenti (18)

L'iWatch potrebbe quindi adottare persino un sistema sperimentale che tra energia dai segnali elettromagnetici da cui il nostro mondo è affollato: le reti Wi-Fi, quelle cellulari e persino i televisori contribuirebbero a tenere carica la batteria dell'orologio di Apple.

Accanto a questo sistema fantascientifico ce ne sarebbe poi un altro più tradizionale: fare in modo che l'iWatch si ricarichi con il movimento, trasformando l'energia cinetica in energia elettrica come già fanno - e da tempo - alcuni orologi tradizionali.

Quanto all'utilità dell'iWatch, sembra che Apple abbia intenzione di farne un apparecchio per tenere sotto controllo la salute.

Alcuni dirigenti dell'azienda si sarebbero infatti incontrati con la Food and Drug Administration proprio per parlare dell'orologio, il quale sarebbe dotato di sensori per rilevare diversi parametri biometrici come la pressione sanguigna, il battito cardiaco, il livello di glucosio e quello di idratazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'iWatch arriva a settembre con l'iPhone 6
Apple brevetta il MacBook a energia solare
Ricaricare il cellulare col Wi-Fi
Apple, è l'ora dell'iWatch
Lo smartwatch di Apple
Nokia svela i Lumia a ricarica wireless

Commenti all'articolo (4)


Mi sa tanto che è la più efficiente! Ti fai una lambada e l'orologio è carico, ti diverti, fai ginnastica ed è ecologico. Magari le donne ritorneranno ad sculettare quando camminano... :shock: Ciao
9-2-2014 13:33

certo occorre vedere quanto si riesce a ottenere per un consumo che ovviamente non sarà da orologio tradizionale...però se una tecnologia è colladuata e funzionante...perchè non considerarla? Leggi tutto
9-2-2014 12:14

Sempre più inutile... :roll:
8-2-2014 15:24

Insomma un orologio per ipocondriaci! :lol: :lol: :lol: Comunque una ella scarichetta elettrica per ricaricarlo? Ti fai anche la permanete gratis! :lol: :lol: :lol: Ciao
5-2-2014 13:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1844 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics