Ubuntu Touch, arrivano i primi smartphone

Canonical prepara la nuova versione e annuncia due cellulari entro la fine dell'anno.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-02-2014]

ubuntu touch

Dopo il fallimento di Ubuntu Edge, lo smartphone su cui Canonical aveva puntato molto, il debutto di Ubuntu Touch alla fine dello scorso anno non era stato salutato con gioia particolare.

La prima edizione della versione di Ubuntu per tablet e smartphone aveva dimostrato di essere piuttosto immatura, con prestazioni non soddisfacenti e una scarsità - prevedibile, a dire il vero - di applicazioni che hanno scontentato gli utenti della prima ora.

Dopo queste vicende, non ci si aspettava novità eclatanti a breve, tanto più che lo stesso Mark Shuttleworth aveva affermato che non ci sarebbero stati grandi annunci nel corso del 2014.

Invece, oltre a una nuova versione di Ubuntu Touch nel mese di aprile (sarà rilasciata in concomitanza con Ubuntu 14.04), entro la fine dell'anno arriveranno due diversi smartphone con Ubuntu.

Saranno prodotti l'uno della spagnola BQ e l'altro dalla cinese Meizu, due produttori non esattamente famosissimi ma proprio per questo scelti da Canonical, almeno stando alle parole del fondatore dell'azienda.

Sondaggio
Qual Ŕ l'ambiente Linux che preferisci?
Gnome
Kde
Unity
Xfce
Lxde
Cinnamon
Mate
Un altro
Non uso Linux

Mostra i risultati (5354 voti)
Leggi i commenti (25)

«Anche se siamo felici di lavorare con nomi famosi, vogliamo impegnarci con partner per i quali possiamo essere una parte importante della loro storia» ha spiegato Shuttleworth, il quale non nasconde la propria strategia: iniziare a conquistare i mercati emergenti e poi spostarsi verso quelli più "affollati".

Per farsi notare e apprezzare da un pubblico che non sia sostanzialmente limitato agli sviluppatori, Ubuntu Touch ha bisogno di un proprio smartphone; al momento è compatibile soltanto con alcuni telefonini della serie Nexus, ma richiede comunque la sostituzione del sistema operativo originale (Android).

L'arrivo di prodotti dedicati insieme al supporto (atteso per la prossima versione) allo sviluppo di applicazioni HTML 5 potrebbe rendere più interessante l'alternativa Ubuntu.

Se poi davvero nel 2015 Canonical inizierà a far produrre smartphone anche da nomi noti, allora potrà esserci davvero qualche possibilità di successo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Torrent integrati in Ubuntu per favorire diffusione cultura
Ubuntu Edge condannato al fallimento?
Nuovi dettagli su Ubuntu Edge
Ubuntu Edge, crowdfunding per l'Ubuntufonino
Canonical dimezza il supporto agli Ubuntu non LTS
Stallman: Ubuntu è spyware

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1558 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 gennaio


web metrics