Obbligatoria l'assicurazione per i droni

L'ENAC la impone a partire dal 30 aprile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-02-2014]

droni assicurati

I "droni", quegli apparecchi volanti che Google e Amazon pensano di utilizzare per le consegne, sembrano appartenere a uno scenario fantascientifico.

A riportarli tra i comuni mortali c'è una comunicazione (e un regolamento) dell'ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile), con la quale l'ente informa i possessori di droni che dal prossimo 30 aprile scatta l'obbligo di assicurazione.

I motivi sono ovvi: se l'utilizzo dei droni diventasse di uso comune, potrebbero anche verificarsi incidenti e contenziosi che è bene cercare di appianare il prima possibile; di qui, l'obbligo di avere un'assicurazione.

Prima di correre dal proprio assicuratore di fiducia per farsi calcolare il premio, però, bisogna tenere presente che l'obbligo sarà vincolante soltanto per i SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto: così l'ENAC chiama i droni, accomunati ad altri dispositivi come gli elicotteri telecomandati) utilizzati per attività specialistiche.

Chi, insomma, possiede un quadricottero che adopera unicamente per il tempo libero (per esempio facendolo volare in giardino) non dovrebbe preoccuparsi.

Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2283 voti)
Leggi i commenti (18)

Le statistiche affermano che nel nostro Paese ci sono 400 droni in attività che richiederanno l'assicurazione.

A essere maggiormente preoccupati al momento paiono essere proprio gli assicuratori, i quali non dispongono ancora dei parametri necessari a calcolare i premi assicurativi.

Secondo alcune stime, il premio di assicurazione per un drone non sarebbe comunque al di sotto dei mille euro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sky Rider, il drone a fascicoli ''vola'' in edicola
Google si lancia nel mercato dei droni
Il birrificio che consegna coi droni
Anche Google pensa ai droni per consegne veloci
Amazon consegnerà con i droni

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1947 voti)
Febbraio 2020
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Tutti gli Arretrati


web metrics