Un bando per le startup e i freelance

Hai un sogno da realizzare?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-03-2014]

startup

E' online il bando per partecipare alla selezione di Speed MI Up, il Consorzio promosso da Camera di Commercio, Comune di Milano e Università Bocconi.

Le startup e i freelance scelti entreranno in un programma di mentoring e servizi di eccellenza. Le idee imprenditoriali dovranno essere innovative (in termini di prodotto, processo produttivo, vendita o distribuzione) solide e potenzialmente internazionali.

Il bando è promosso nel quadro di un accordo di collaborazione sottoscritto nel 2012 dalla Camera di Commercio e dal Comune di Milano, per la promozione dell'occupazione e dell'imprenditorialità.

Lo scopo è favorire la nascita di nuove imprese nel territorio milanese, stimolare il lavoro autonomo e l'auto-occupazione.

Secondo la Camera di Commercio sono oltre 5mila le imprese nate a Milano nei primi mesi del 2014. Commercio (16% del totale), costruzioni (8,3%), attività professionali, scientifiche e tecniche (4,3%) e industria (3,5%) i settori più scelti.

Sondaggio
Hai un'idea nel cassetto e ti piacerebbe aprire una startup per realizzarla. Che cosa ti frena?
Non ho i soldi per farla partire
Il momento economico non è favorevole
Non ho ancora trovato le persone giuste con cui farlo
E' troppo rischioso per me
Non sono sicuro di riuscire a portarlo a termine
Sarebbe troppo complicato, indipendentemente dai soldi
Non mi sento portato a fare l'imprenditore
E' solo un sogno e in realtà non credo che lo farei
Per un altro motivo e cioè...

Mostra i risultati (1268 voti)
Leggi i commenti (5)

Si tratta in un caso su due (55%) di un'impresa individuale, in uno su tre (32%) di una società di capitali. E sono state 20mila le nuove imprese nate nella provincia di Milano nell’anno 2013 (il 40% delle iscrizioni lombarde e oltre il 6% di quelle italiane).

Oltre 4.400 le nuove imprese del commercio (pari al 18%), 2.300 dell’edilizia, 1.254 delle attività professionali, scientifiche e tecniche, 1.066 del settore noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese e 966 quelle legate a ristorazione e alloggio.

L'iscrizione è aperta dall'11 marzo al 30 aprile 2014.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Startup Weekend

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1252 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics