I 14 comandamenti di Steve Jobs

Il biografo ufficiale svela i segreti della leadership del fondatore di Apple.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-05-2014]

steve jobs 14 comandamenti

Nel corso della sua vita - e anche dopo la sua morte - Steve Jobs è stato amato, è stato odiato, ma soprattutto è stato invidiato per la capacità che aveva di ideare prodotti in grado di affascinare le persone.

Poco importava se l'idea esisteva già, o se c'erano dispositivi che svolgevano la medesima funzioni: sono stati quelli immaginati da Jobs ad accendere il desiderio negli utenti. L'idea di tablet esisteva anche prima che l'iPad diventasse realtà; eppure è stato solo dopo il suo lancio che questo mercato è decollato.

È ovvio che, con queste premesse, ci siano moltissime persone che sognano di essere un nuovo Steve Jobs. Per tutti questi sognatori, che sperano di trovare il segreto del successo in un manuale, Walter Isaacson ha scritto Steve Jobs. Lezioni di leadership.

Isaacson è il giornalista che ha scritto la biografia ufficiale e autorizzata del fondatore di Apple e che dalla frequentazione con Jobs ha ricavato questa nuova fatica: una specie di "bigino" del manager che tutti vorrebbero essere.

In poco più di 100 pagine sono raccolti 14 consigli, riassunti in una frase breve e facilmente memorizzabile, accompagnati da aneddoti ed episodi accaduti durante la gestione di Apple da parte di Steve Jobs.

Molte delle indicazioni presenti nel libro sono note: il modo particolare di fare che Jobs aveva - dalla cura maniacale del prodotto, ponendo in primo piano l'esperienza e le sensazioni dell'utente fino al carattere scontroso e accentratore - non è certo un mistero.

Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1640 voti)
Leggi i commenti (24)

Il tutto però è condensato in pillole come «Concentrarsi e semplificare», una frase utilizzata come guida nello sviluppare interfacce e prodotti, facendo sì che siano questi ad adattarsi all'utente e ad anticipare le sue esigenze anziché il contrario.

Non mancano poi né «Circondati solo dei migliori», principio che si traduceva in incontri velati da un'aura di mistero come quello con i Top 100, né «Mantieni il controllo dell'intero processo di creazione del prodotto», cosa che chiunque abbia lavorato in Apple testimonia.

Eppure, Jobs era conscio dell'importanza che ha una buona idea, indipendentemente da chi poteva averla: per questo raccomandava di «Favorire il faccia a faccia», perché il confronto facesse germinare le idee. È questa in fondo l'idea intorno alla quale si sta costruendo l'intera nuova sede di Apple.

Il citatissimo «Stay hungry, stay foolish» si affianca alla raccomandazione di «Coniugare discipline classiche e scientifiche», oltre che alla convinzione di dover «plasmare la realtà» con il prodotto.

Dopotutto, se il prodotto è buono, anzi "perfetto", il resto verrà da sé. Anche il successo: Jobs - spiega Isaacson - raccomandava «Attribuisci valore al prodotto», «Punta alla perfezione», «Mantieni la visione generale senza dimenticare i dettagli» e «Pensa ai prodotti prima che ai profitti», ed è sarebbe proprio questo voler tendere verso il prodotto perfetto, anziché verso un bilancio florido, il segreto più profondo dei risultati raggiunti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

I consigli che sono stati riportati nell'articolo mi sembrano tutti degni della fiera delle ovvietà, se anche gli altri sono dello stesso tenore concordo con Roberto1960.
2-6-2014 18:42

Un valido consiglio di lettura: un libro da EVITARE assolutamente... Una lettura che più inutile non si può.
21-5-2014 13:18

Beh, per riuscire a reinventare l'acqua calda e rivenderla a peso d'oro occorre sicuramente essere bravi nel proprio mestiere. Ma io due parole le spenderei anche sulle capacita' di giudizio di coloro che han decretato, con la forza del numero, il suo successo.
21-5-2014 04:45

Mah...può piacere o meno Jobs, la sua azienda e i suoi prodotti ma non credo si possa dire che abbia avuto culo...che fosse un visionario unito ad un abile stratega del marketing lo ritengo indubbio ed evidentemente (anche al netto dei soldi..che ha fatto sempre più da un punto in avanti) non è così facile Certi prodotti sono diventati... Leggi tutto
19-5-2014 16:44

{Donald Duck}
Manca solo il 15 e fondamentale coomandamento: Culo, tanto ma tanto ma tanto ma tanto ma tanto culo!
19-5-2014 16:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il client torrent che utilizzi di più?
µTorrent
Vuze
Opera
Transmission
BitTorrent
Ktorrent
Shareaza
Tixati
MediaGet
qBittorrent
Deluge

Mostra i risultati (2890 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics