Panda 4.0: Google cambia ancora l'algoritmo della search

Le modifiche comporteranno novità sostanziali nel posizionamento dei siti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-05-2014]

google panda 4

Silenziosamente, Google aggiorna ogni mese Panda, l'algoritmo realizzato per escludere i siti di bassa qualità dai primi risultati delle ricerche; normalmente, però, si tratta di piccoli aggiustamenti.

Un tweet pubblicato da Matt Cutts ha annunciato ora un cambio di passo nel rilascio degli aggiornamenti: sta arrivando Panda 4.0, un update che si preannuncia massiccio.

Il numero di versione e l'annuncio stesso sono indicazioni sufficienti circa l'importanza di quest'ultima variazione a Panda.

Secondo Search Engine Land, Panda 4.0 avrà conseguenze su circa il 7,5% dei siti web in lingua inglese, e che la percentuale di siti coinvolti varia al variare della lingua con cui sono realizzati.

Per quanto piccola possa essere la percentuale, ogni volta che Google applica un aggiornamento importante le conseguenze si fanno sentire: ci sono sempre diversi webmaster che si lamentano del nuovo posizionamento ottenuto dal loro sito, scivolato in fondo tra i risultati.

Sondaggio
In quale di questi campi necessiti di maggiore aiuto per il tuo business online personale o aziendale?
SEO, ranking e analytics.
Link Html, generazione sitemap, metatag e generazione QR Code.
Logo, foto, grafica e temi.
Progettazione del sito e organizzazione.
Normativa fiscale.
Soluzioni di pagamento, Paypal e Google Merchant.
Business plan.
Creazione del negozio virtuale o dell'app.
Pagina Facebook collegata.
Pagine di affiliazione.

Mostra i risultati (401 voti)
Leggi i commenti (2)

Il criterio su cui Panda si basa per decidere il posizionamento è la "qualità" del sito: non ci devono essere pagine duplicate, né troppo generiche, né sostanzialmente identiche a quanto già esiste; occorrono invece contenuti che offrano «valore aggiunto» (così aveva detto Matt Cutts alcuni anni fa) al web.

Spesso, in passato, le proteste sono state portate avanti dai gestori di piccoli siti, convinti di essere stati penalizzati senza motivo a vantaggio dei giganti del web (per esempio, vedendo il proprio negozio di e-commerce perdere posizioni per lasciare spazio ad Amazon).

Occorrerà qualche giorno prima che Panda 4.0 sia completamente operativo: solo allora potremo vedere che cosa sia cambiato nei risultati proposti da Google.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'algoritmo che proteggerà la Rete dai cyberattacchi
Google sta uccidendo la SEO?
Google premia i siti più veloci

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1826 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 gennaio


web metrics