Call center in sciopero, la Rete si mobilita

Monta la protesta contro delocalizzazioni e stipendi da fame.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-06-2014]

sciopero call center

Trecentocinquanta euro al mese: è questo lo stipendio di chi lavora a tempo pieno per Seat Pagine Gialle in un call center di Tirana.

«Contro una realtà di delocalizzazioni selvagge non c'è Jobs Act che tenga» sostengono i sindacati: per questo motivo il 4 giugno prossimo si terrà una manifestazione nazionale (promossa da CGIL, CISL, UIL) dei lavoratori italiani dei call center in outsourcing, con uno sciopero nazionale nella stessa giornata. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual secondo te il problema principale dei call center?
Tempi di attesa troppo lunghi
Mancanza di coordinamento tra settore tecnico e amministrativo
Personale scortese
Personale incapace
Personale capace, ma non addestrato adeguatamente

Mostra i risultati (3559 voti)
Leggi i commenti (15)
I lavoratori di aziende come Visiant, Almaviva e Teleperformance metteranno giù la cuffia e, sfilando a Roma, chiederanno che il governo Renzi metta fino alo scandalo dei finanziamenti pubblici per le aziende che delocalizzano.

In Rete è stato pubblicato anche un appello, firmato da giornalisti e blogger tra cui Alessandro Gilioli, giornalista de L'Espresso, Stefano Corradino, direttore di Articolo 21, e Massimo Malerba, promotore di riuscite campagne web come quella a sostegno delle lavoratrici Omsa.

Chiunque volesse aderire all'appello può inviare una mail a: nodelocalizzazioniday@gmail.com

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Chiude il call center torinese del 12 e dell'892424
Ci mancavano solo i call center di Berlusconi
Patuano congela scorporo rete e separazione call center
Italiani sfruttati nei call center svizzeri
I call center italiani finiranno tutti in Romania?
Telecom e lo scorporo dei call center

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Non lo sai, che diverso! Sono state fatte tantissime manifestazioni, specie al Palazzo Regione Lombardia (ci sono stato!!!), ma NESSUN organo d'informazione (TV, giornali, radio, dovremmo chiamarli organi di disinformazione???) pensa minimamente di dirlo!!! :evil: :evil: :evil: Ciao
4-7-2014 12:47

Non ricordo siano state fatte manifestazioni riguardo la delocalizzazione delle produzioni industriali, ricordo male?
29-6-2014 12:40

Primo non ci sono vere leggi contro ma leggine e quindi facile aggirarle. Secondo la vecchia storia della "guardia e ladri" dunque chi non fa nulla che perde TUTTO. Terzo, come mai che solo in Italia che fregano tanto bene? Politici compiacenti, CAMBIAMOLI! :wink: Ciao Leggi tutto
6-6-2014 14:27

{giampix}
Il vero probema e' l'esternalizzazione: chi risponde per un ente o azienda dovrebbe essere in organico allo stesso ente/azienda, non essere un precario che oggi risponde per TIM e quando e' finito l'appalto rispondera' per INPS o ENI o Alitalia o chissa' chi altri. Il vero problema sono gli appalti in se... Leggi tutto
4-6-2014 19:18

Possono fare tutti i decreti che vogliono...urgenti e non...le petizioni...carta straccia...troveranno sempre il modo di fregarci... Fatta la legge...trovano l'inganno!
4-6-2014 11:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cos' pi rivoluzionario, tra questi... qualcosa-book?
Chromebook
Ebook
Facebook
Macbook
Netbook
Notebook
Playbook
Ultrabook

Mostra i risultati (2219 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics