Nokia ricattata pagò milioni per proteggere Symbian

I ricattatori sono ancora a piede libero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-06-2014]

nokia symbian ricatto

I più giovani, profondi conoscitori degli smartphone del momento, forse nemmeno sapranno che cosa sia Symbian.

Eppure, un tempo era il sistema operativo per smartphone più adoperato al mondo ed era tanto prezioso che per difenderlo l'azienda che l'aveva creato - Nokia - aveva preferito cedere a un ricatto.

La storia risale al 2007 ma è stata rivelata soltanto ora da MTV News.

In quell'anno un misterioso gruppo di hacker sarebbe riuscito a sottrarre le chiavi crittografiche adoperate da Symbian e avrebbe intimato a Nokia il pagamento di alcuni milioni di euro; se l'azienda non avesse obbedito, gli hacker avrebbero rivelato le chiavi al mondo.

Nokia ovviamente si rivolse alla polizia ma, nel frattempo, pagò anche il riscatto nella speranza che, esponendosi per recuperare il denaro, i malviventi lasciassero qualche traccia.

Sondaggio
Qual Ŕ la tua piattaforma mobile preferita?
Windows Phone
Android
iOS (iPhone)
BlackBerry OS (Rim)
Symbian
Ubuntu o altro Linux
Bada

Mostra i risultati (4442 voti)
Leggi i commenti (11)

Il pagamento avvenne infatti "alla vecchia maniera": una borsa di denaro lasciata nel parco di divertimenti Särkänniemi, a Tampere.

I ricattatori riuscirono a volatilizzarsi con il denaro. Secondo MTV News e Reuters, che hanno contattato le autorità finlandesi per avere conferma della storia, il caso è ancora aperto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
UK, il ricatto corre su Wikipedia
Come rubare un account Twitter da 50.000 dollari
Nokia dice addio a Symbian
Windows Phone sorpassa Blackberry, Android sempre in testa
Troll dei brevetti, un pericolo per l'innovazione

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4453 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics