Il malware che attacca le reti elettriche

Colpite anche le infrastrutture italiane.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-07-2014]

centrale malware elettrica

I figli e i nipoti di Stuxnet hanno iniziato a darsi da fare ma, a differenza del loro progenitore, hanno obiettivi più ampi.

Se Stuxnet era stato studiato per sabotare le centrifughe nucleari iraniane, i suoi epigoni puntano alle infrastrutture di molti Paesi, tra cui anche l'Italia.

È questo il caso per esempio di Dragonfly, un gruppo di hacker che adopera tattiche di phishing e trojan per compromettere in particolar modo la rete elettrica ed è attivo per lo meno dal 2011.

La scoperta dell'esistenza di Dragonfly si deve a Symantec, che ne ha anche descritto le modalità di attacco e i pericoli: al momento gli hacker si sono limitati allo spionaggio, ma l'accesso ai sistemi avrebbe permesso loro, se soltanto lo avessero voluto, di compromettere e sabotare la rete elettrica.

I bersagli principali di Dragonfly sono la Spagna e gli Stati Uniti, ma tra essi vi sono anche Francia, Italia, Germania, Turchia, Polonia, Romania, Grecia e Serbia.

Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1690 voti)
Leggi i commenti (10)

Secondo Symantec i cybercriminali hanno la propria base nell'Europa dell'est; l'ipotesi sembra confermata dal fatto che le attività sono maggiormente intense nelle ore che vanno dalle 9 del mattino alle 6 del pomeriggio secondo il fuso orario UTC+4.

Gli attacchi sono avvenuti tramite diversi sistemi: l'invio di allegati infetti, la compromissione di software legittimi e la violazione di siti web allo scopo di infettare con del malware i sistemi dei visitatori.

malware top 10 paesi attaccati
I 10 Paesi più colpiti da Dragonfly secondo Symantec

Inoltre, per giungere alle grandi aziende che gestiscono la rete elettrica, gli hacker hanno preso di mira i piccoli produttori che costruiscono i componenti degli impianti: infettando il software di controllo di questi prodotti sono riusciti ad accedere alle reti informatiche dei bersagli più "succulenti".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Gru, escavatori e bulldozer hackerabili da remoto
L'attacco alla Internet delle Cose che può mettere fuori uso la rete elettrica
L'algoritmo che proteggerà la Rete dai cyberattacchi
Tecniche di guerra digitale: Stuxnet
Hacker danneggiano acquedotto
Gli hacker all'assalto della rete elettrica

Commenti all'articolo (1)

{Giona}
Gli hacker di norma sono individui con un comportamento etico corretto e di regola mirano a cercare/scoprire falle e bug nei sistemi se un "hacker" sabotasse un sistema non sarebbe piu un hacker ma un terrorista o peggio quindi i vari uffici dovrebbero essere contenti della presenza di questi individui che li mantengono allerta... Leggi tutto
1-7-2014 18:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2031 voti)
Settembre 2019
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Tutti gli Arretrati


web metrics