Gli hacker all'assalto della rete elettrica

Pirati informatici stranieri sarebbero riusciti a penetrare nei sistemi che gestiscono le infrastrutture, lasciandosi dietro dei software in grado di distruggerle.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-04-2009]

Hacker attaccano rete elettrica Usa

Non ci sarebbero solo segreti i governativi e le informazioni riservate possedute dagli Stati Uniti nel mirino dei pirati informatici stranieri: secondo quanto riporta il Wall Street Journal, il vero obiettivo sono le infrastrutture.

A causa dell'uso sempre più intenso di Internet per coordinare i vari nodi dei sistemi che gestiscono la rete elettrica (ma anche gli impianti idrico e fognario), i punti d'accesso ai sistemi raggiungibili dalla Rete si sono moltiplicati e hanno permesso il passaggio di hacker stranieri.

La scoperta sarebbe stata fatta dai servizi segreti americani: gli incursori digitali - provenienti da Cina, Russia e altre nazioni - avrebbero scandagliato i sistemi di gestione delle reti elettrica, idrica e fognaria (senza peraltro segnalare una preferenza per una determinata zona geografia o per un certo gestore) tentando di tracciarne mappe e lasciandosi dietro dei software potenzialmente utilizzabili per bloccare il funzionamento delle infrastrutture.

Proprio questi programmi sarebbero serviti agli investigatori per scoprire l'accaduto e risalire ai Paesi d'origine degli attaccanti; ora, tuttavia, si pone il problema più serio: come rendere impenetrabili i sistemi, che evidentemente sono così facili da compromettere?

I visitatori stranieri non avrebbero comunque causato alcun danno ma nel caso di una guerra o di un'emergenza questa eventualità non sarebbe così remota.

Le nazioni accusate dell'incursione (Russia e Cina in particolare) hanno negato ogni coinvolgimento ma, anche se così fosse, il problema resterebbe.

Esiste addirittura un precedente: nel 2000, un impiegato scontento di un impianto di trattamento delle acque, in Australia, si è introdotto dall'esterno nel sistema dell'infrastruttura e ha dirottato più di 750.000 litri di acque luride nelle tubature di parchi e fiumi.

Per questi motivi la Casa Bianca ha avviato un progetto di cybersecurity per rendere impenetrabile innanzitutto la rete elettrica agli attacchi di questo tipo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'attacco alla Internet delle Cose che può mettere fuori uso la rete elettrica
Centrali elettriche facili prede degli hacker
Il malware che attacca le reti elettriche
L'algoritmo che proteggerà la Rete dai cyberattacchi

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

.Emidio.
Anche io sono sotto attacco hacker alla rete elettrica, a chi mi posso rivolgere? O come posso difendermi da questo fastidioso evento? O provato con un gruppo di continuita per un po e andato bene , poi lo anno scavalcato e ora non so piu cosa posso fare. Spero che mi possiate dare delle buone nuove . cordiali saluti ... Emidio. .
21-5-2016 10:56

-------------------------------------------------------------------------------- NON CI SONO GLI ACCENTI? Mi giunge nuova...ma logico pensarlo...in Inglese non esistono accenti. Quindi devi inserirli tu con la mappa caratteri... Vuoi dire Questi fatti premendo Alt pi il numero del tastierino numerico, e impresse al rilascio di... Leggi tutto
26-8-2009 04:20

Quant' vero tutto, ci :incupito:.... quant' vero :?.... e pensare che c' qualcuno che ancora pensa :? che il modello americano sia assolutamente il migliore.... :weeps:. Leggi tutto
26-6-2009 08:25

SOTTOSCRIVO in pieno, con l'h o senza :D Troppo privato fa male, i privati sono egoisti, pensano solo, SOLO al profitto, il sistema elettrico degli states, andrebbe visto con i propri occhi, descriverlo impossibile e soprattutto non si verrebbe creduti :roll: In ogni caso trovo un errore abbandonare i network privati per... Leggi tutto
15-4-2009 13:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verr individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago n l'assicurazione auto, n il canone Rai, n niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2283 voti)
Febbraio 2020
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Tutti gli Arretrati


web metrics