Giocare a Doom sul display della stampante

L'opera di un hacker svela la debolezza della ''Internet delle cose''.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-09-2014]

doom stampante

La cossiddetta Internet delle cose, in cui gli oggetti di uso comune sono connessi alla Rete, ha i suoi bei problemi di sicurezza.

Per esempio, un malintenzionato potrebbe accedere da remoto alla stampante e installarci Doom.

Non si tratta di uno scherzo ma di una dimostrazione condotta a termine dall'esperto di sicurezza Micheal Jordon su una stampante Canon Pixma.

L'obiettivo di Jordon era dimostrare i potenziali problemi di sicurezza presenti in molti oggetti che si connettono a Internet, come per l'appunto certe stampanti.

Il modello preso in considerazione, una Pixma MG6450, non solo permette di accedere da remoto a un'interfaccia web che non richiede autenticazione per controllare lo stato della stampante, ma consente anche di aggiornare il firmware via Rete.

Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1353 voti)
Leggi i commenti (13)

Così, per fornire una dimostrazione a prova di dubbio del pericolo che una tale pratica nasconde, Jordon ha deciso di elaborare ulteriormente un esistente port di Doom per ARM (dato che la stampante usa proprio un processore ARM e dispone anche di 10 Mbyte di memoria) affinché fosse in grado di girare sulla Pixma, visualizzato sul display della stampante stessa.

Dopo quattro mesi di lavoro, il ricercatore ha ottenuto un gioco che funziona abbastanza bene e, anche se i colori non sono proprio corretti, il punto che Jordon voleva provare è sicuramente dimostrato.

Canon, dal canto proprio, ha fatto sapere che intende rilasciare un aggiornamento che corregga il problema il più in fretta possibile, aggiungendo all'interfaccia la necessità di autenticarsi con username e password.

Qui sotto, il video che dimostra il successo di Micheal Jordon.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Doom si arrende ai pirati
Da Windows 1.0 a Windows 8, la storia in un filmato
FreeDOS, vent'anni e non sentirli
Doom 3, il codice adesso è open
Doom e Doom II sbarcano in Germania (17 anni dopo)

Commenti all'articolo (2)

Pensavo che alla Canon avrebbero deciso, in collaborazione con Jordan di rilasciare una versione ufficiale di Doom per le loro stampanti migliorandone la portabilità, si sa mai che uno mentre stampa lunghi documenti abbia voglia di svagarsi un poco... :lol: :lol: :lol:
20-9-2014 15:44

Geniale rilasciare qualcosa accessibile da remoto senza autenticazione. :roll: Alla Canon qualcuno sta rubando il suo stipendio. :evil: Mauro Leggi tutto
20-9-2014 04:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (374 voti)
Gennaio 2021
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Alternative a WhatsApp
Un'opera da fantascienza costruita a tempo di record per scopi militari
Ho-mobile ammette la violazione dei dati dei clienti
Dicembre 2020
Il sito che svela quali tracce lasci quando navighi nel web
Zoom, arrivano l'email e il calendario
Spid creepshow, la sospensione
Windows 10, Cpu al 100% e molti problemi dopo l'ultimo update
Pirati che usano satelliti militari per comunicare e come ascoltarli
Google, i disservizi mostrano tutta la fragilità della tecnologia
CentOS, c'è un successore
La gabbia per il router che elimina le radiazioni elettromagnetiche
Falla spettacolare negli iPhone
La storia segreta di un gioiello scientifico
Tutti gli Arretrati


web metrics