Dalla silice al silicio

E' stata sviluppata una nuova tecnica per eliminare l'ossigeno dalla silice. Tale processo potrebbe così rendere più economico il silicio, materiale fondamentale per la tecnologia e aprire nuove strade per la progettazione dei microprocessori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-06-2003]

La Tecnica, sviluppata da Toshiyuki Nohira e colleghi dell'Università di Kyoto, in Giappone, sfrutta l'elettricità per rimuovere ossigeno dal naturale ossido di silicio, la silice, consentendo di ottenere dai minerali di silice, come i quarzi, grandi quantità di silicio.

La scoperta di questo procedimento è molto importante se si pensa che un chip per computer è fatto di una serie di strutture in silicio incassate in strati di silice che, a differenza delle prime, non conducono elettricità. Così se attualmente è possibile convertire il silicio in silice, non è possibile il contrario senza la fusione a circa 1700 °C, cosa che se succedesse, invece, renderebbe la manifattura dei chip maggiormente flessibile.

La tecnica di Nohira ha permesso la conversione della silice in silicio senza fusione immergendo una lastra di quarzo in un bagno di sali di cloruro di calcio fusi a 850 °C in cui è stata poi fatta passare della corrente elettrica.

Questo procedimento potrebbe in futuro far ottenere anche altri importanti elementi puri come lo zirconio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Preferisci utilizzare Facebook, Twitter o Google+?
Prevalentemente Facebook
Prevalentemente Twitter
Prevalentemente Google+
Facebook e Twitter
Twitter e Google+
Google+ e Facebook
Tutti e tre
Nessuno dei tre

Mostra i risultati (2709 voti)
Agosto 2022
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 agosto


web metrics