Tassa su Internet in Ungheria: 50 centesimi per Gbyte

Si pagherà per ogni Gigabyte scaricato. Proteste in piazza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-10-2014]

Ungheria tassa internet 50 centesimi

Spetta all'Ungheria il dubbio onore di essere il primo Paese a voler imporre una tassa su Internet.

Centocinquanta fiorini, ossia poco meno di 0,50 euro, per ogni gigabyte scaricato: tanto dovranno pagare i cittadini ungheresi connessi alla Rete se passerà il disegno di legge voluto dal primo ministro Viktor Orban.

La motivazione ufficiale è la crisi che ha svuotato le casse dello Stato: chi più scarica maggiormente contribuirà a riempirle, salvando così il bilancio del prossimo anno.

Le oltre 10.000 persone scese in piazza per protestare affermano però che si tratta soltanto di una scusa per poter imbavagliare un mezzo che non è sotto il controllo del governo.

Le critiche a Orban, in effetti, in massima parte trovano spazio per esprimersi unicamente sul web; se a ciò si aggiunge la simpatia del primo ministro ungherese verso i regimi autoritari - non molti mesi fa ha dichiarato che «l'era delle democrazie liberali è finita» - si capisce perché gli oppositori vedano la tassa più che altro come un modo per tappar loro la bocca.

Sondaggio
Come ti colleghi a Internet da casa? Confronta i risultati con quelli del sondaggio precedente (2012-2013).
Modem 56K - 1.8%
Adsl a bassa velocità (fino a 2 Mega) - 8.2%
Adsl a media velocità (fino a 6-7 Mega) - 39.2%
Adsl ad alta velocità (da 8 a 20+ Mega) - 23.9%
Fibra ottica 10 Mega - 2.5%
Fibra ottica fino a 30 Mega - 7.7%
Fibra ottica 100 Mega - 5.8%
Smartphone o chiavetta o modem 2G (Gprs, Edge) - 0.4%
Smartphone o chiavetta o modem 3G (Umts, Hspa, Hspa+) - 4.4%
Smartphone o chiavetta o modem 4G (Lte) - 1.5%
Satellite - 0.7%
Wi-Max - 4.0%
  Voti totali: 3891
 
Leggi i commenti (7)

Anche l'Unione Europea non vede di buon occhio la tassa: Neelie Kroes, Commissario per l'Agenda Digitale, ha affermato che essa costituisce «una vergogna per il governo ungherese».

Le proteste di piazza hanno spinto il partito di maggioranza, Fidesz, a impegnarsi a presentare un emendamento alla legge che imponga un tetto massimo pari a circa 2,30 euro per i privati e 16 euro per le imprese.

Intanto il gruppo nato su Facebook per opporsi alla tassa ha già superato le 200.000 adesioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La Google Tax divide il mondo politico
Canone, la RAI precisa: per i computer non si dovrà pagare
Fieg: "Una tassa sul web per salvare l'editoria"
Tassa europea su email e SMS
Una tassa per i provider
La tassa sul tubo sarà un freno per l'ADSL
Telecom vuole tassare l'Adsl senza Voce
Arriva la tassa sull'iPod
La tassa sugli squillini
Che idea grandiosa, una tassa sulla pirateria

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

In sostanza sono d'accordo con te però vorrei fare un'ultima prova prima dell'estinzione di massa dell'uomo, provare con l'annientamento totale delle attuali classi politiche provando a farne crescere di nuove, è un tentativo che almeno meriterebbe una chance no? Leggi tutto
29-10-2014 18:54

Troppo tardi... Leggi tutto
29-10-2014 18:50

Purtroppo deve concordare con Orban: "l'era delle democrazie liberali è finita". Niente tornerà come prima. E comunque c'è chi si inventa la tassa sul GB e chi si inventa la tassa sui libretti delle caldaie. Paese che vai... L'unica mia speranza è che ci autodistruggiamo presto, così da lasciare questo splendido pianeta a... Leggi tutto
28-10-2014 17:22

...e neppure alla SIAE
28-10-2014 12:12

Non fate vedere questo articolo a Renzi... :D
28-10-2014 08:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2546 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 ottobre


web metrics