Rilasciato il codice sorgente del CP/M

L'antenato del DOS e di Windows.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-11-2014]

cpm

È un tuffo nel passato quello operato dal Computer History Museum con il rilascio del codice sorgente del CP/M, e allo stesso tempo una specie di regalo di compleanno.

Era infatti nato nel 1974 il CP/M, e dunque quest'anno ha compiuto 40 anni; il suo nome, però, ai più giovani probabilmente non dirà nulla.

Nato dalla mente di Gary Kildall, fondatore della Digital Research, fu molto popolare agli albori dell'informatica, prima che IBM lanciasse il proprio PC scegliendo il PC-DOS, sviluppato congiuntamente con Microsoft (la cui versione prese il nome di MS-DOS), come sistema operativo.

La vicenda che impedì alla Digital Research di diventare ciò che poi divenne Microsoft è ormai storia - e in parte anche leggenda. Si narra che IBM volesse proprio il CP/M per il PC, ma che il giorno in cui si sarebbero dovuti firmare gli accordi e la lettera di riservatezza Kildall non fosse in ufficio (c'è chi dice che fosse in volo, c'è chi dice che fosse a fare surf) e che la moglie non se la sia sentita di firmare; per cui gli emissari di IBM, visto l'incomprensibile rifiuto di Digital, si sarebbero rivolti alla piccola Microsoft.

Digital Research cercò poi di correre ai ripari e il CP/M venne alla fine compreso tra i sistemi operativi disponibili per il PC IBM, ma costava circa sei volte PC-DOS: il declino fu praticamente inevitabile.

Peraltro, il CP/M fu fonte d'ispirazione per il QDOS, da cui derivarono PC-DOS e MS-DOS; molti concetti introdotti dalla creature di Kildall vennero ripresi esattamente allo stesso modo.

Sondaggio
Qual è il tuo linguaggio di programmazione preferito?
C
Java
PHP
JavaScript
C#
Visual Basic .NET
C++
Perl
Python
Ruby

Mostra i risultati (2569 voti)
Leggi i commenti (18)

Per esempio, la pratica di utilizzare le lettere dell'alfabeto per identificare i vari drive (A: e B: per i floppy, C: e seguenti per gli hard disk), tuttora mantenuta anche nelle più recenti versioni di Windows sebbene non strettamente necessaria, deriva proprio da una convenzione del CP/M.

Il CP/M veniva offerto con un'interfaccia a linea di comando e fu il sistema che ospitò le prime versioni di software molto popolari, come l'elaboratore di testi WordStar e il programma per database dBase.

Sono ben quattro le versioni il cui codice è stato reso disponibile dal Computer History Museum ed è liberamente utilizzabile per scopi non commerciali: si tratta delle edizioni del 1975, del 1976, del 1978 e del 1979. Per ognuna è disponibile anche la documentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Parolacce nel codice dei primi Word e MS-DOS
FreeDOS, vent'anni e non sentirli
Trent'anni fa il primo virus per computer
Trent'anni di Microsoft in due fotografie
Abilitare il DOS sui PC con Windows XP

Commenti all'articolo (2)

la bassa velocità dello Z80 era dovuto a qualcosa legato a dei problemi di sincronizzazione tra le due cpu (se ben ricordo), il TED chip video aveva delle particolrità riguardo a risoluzioni e frequenze di quadro, mi pare prevedesse anche una modalità non interlacciata (tipo Amiga) che permetteva di raddoppiare la risoluzione... Leggi tutto
6-11-2014 09:40

Quando ho visto la foto del Commodore 128D mi è venuto un tuffo al cuore... Che bei ricordi! Fu un tentativo (non coronato dal successo) di trovare un erede per il Commodore 64, del quale manteneva la compatibilità (il C64 Mode), ma che rispetto al quale aveva una CPU più performante, RAM più ampia e la possibilità, come mostrato... Leggi tutto
5-11-2014 16:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2239 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics