700 mini-satelliti per portare Internet ovunque

Elon Musk fornirà a tutti connettività senza limiti e a basso costo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-11-2014]

musk internet satelliti

La maggior parte della popolazione mondiale - per l'esattezza il 61% - non ha accesso a Internet.

Per ovviare a questo problema, Google ha pensato di adoperare dei palloni; Facebook punta invece sui droni.

Elon Musk, l'uomo dietro Tesla e SpaceX e ultimo arrivato in quest'arena, crede nei satelliti.

A dir la verità, Musk sta raccogliendo almeno in parte i frutti del lavoro di Google: ora che il progetto di lanciare 180 satelliti per la connessione a Internet pare naufragato, Musk ha contattato l'ex responsabile del programma, Greg Wyler, e l'ha messo al lavoro.

Il risultato è un progetto, per ora agli inizi, che prevede il lancio di 700 mini-satelliti, pesanti ciascuno meno di 100 kg, per avvolgere la Terra e portare la Rete laddove ancora non c'è.

La notizia arriva dal Wall Street Journal ed è stata conferamata almeno nelle linee generali da Musk in persona tramite un tweet col quale l'imprenditore spiega che i primi annunci arriveranno tra due o tre mesi.

Sondaggio
Come ti colleghi a Internet da casa? Confronta i risultati con quelli del sondaggio precedente (2012-2013).
Modem 56K - 1.8%
Adsl a bassa velocitÓ (fino a 2 Mega) - 8.2%
Adsl a media velocitÓ (fino a 6-7 Mega) - 39.2%
Adsl ad alta velocitÓ (da 8 a 20+ Mega) - 23.9%
Fibra ottica 10 Mega - 2.5%
Fibra ottica fino a 30 Mega - 7.7%
Fibra ottica 100 Mega - 5.8%
Smartphone o chiavetta o modem 2G (Gprs, Edge) - 0.4%
Smartphone o chiavetta o modem 3G (Umts, Hspa, Hspa+) - 4.4%
Smartphone o chiavetta o modem 4G (Lte) - 1.5%
Satellite - 0.7%
Wi-Max - 4.0%
  Voti totali: 3891
 
Leggi i commenti (7)

L'idea è abbastanza innovativa sotto il profilo tecnico - i satelliti pesano circa la metà di quelli normalmente adoperati per le telecomunicazioni - ma ovviamente si dovrà scontrare con i problemi che già altri hanno dovuto affrontare, a partire dai costi elevati fino alla gestione della più grande costellazione di satelliti artificiali mai sognata.

L'iniziativa potrà però appoggiarsi alle risorse di SpaceX per portare in orbita i satelliti, mentre per quanto riguarda la costruzione di questi ultimi pare che i lavori per la fabbrica destinata a produrli siano in corso.

Elon Musk ha promesso via Twitter che le connettività offerta dai suoi satelliti sarà «certamente senza restrizioni e a costi molto bassi»: di certo, l'ambizione non gli manca.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le Internet-mongolfiere di Google, un anno dopo
Google lancerà 180 satelliti artificiali
Facebook porta connettività in Africa con i droni

Commenti all'articolo (4)

Avevo pensato anche io al problema della spazzatura spaziale, secondo me il problema dell'affollamento e' molto piuý' grave di quel che si sÓ o si vul far sapere, penso che oltre ai vari lanci ufficiail lassu' ci sia una gran folal di oggetti "non ufficiali"/militari che ovviamente non vengono pubblcizzati Leggi tutto
18-11-2014 08:38

A basso costo non significa che poi sara' anche a basso prezzo. Il costo di produzione e il prezzo di vendita spesso NON sono in relazione.
15-11-2014 11:00

{Oscar Raffone}
Suvvia, c'è molto spazio nello..... spazio ;)
12-11-2014 20:58

{facts}
Un'idea pellegrina, secondo me. A parte i problemi tecnici per lanciare in economia i satelliti e poi per gestire l'intera rete senza interferire con altre apparecchiature, la quantità di oggetti in volo sopra le nostre teste sta diventando così critica, già adesso, che i vari enti spaziali fanno sempre... Leggi tutto
12-11-2014 15:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come preferisci seguire gli aggiornamenti di Zeus News?
Apro Zeus News nel browser e vedo se ci sono novitÓ
Sono iscritto alla newsletter
Sono abbonato ai feed RSS
Seguo le novitÓ dal Forum dell'Olimpo Informatico
Seguo le novitÓ da Twitter
Seguo le novitÓ da Facebook
Tramite un altro sito che aggrega le notizie
In altro modo (suggeriscilo nei commenti!)

Mostra i risultati (6153 voti)
Novembre 2019
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Tutti gli Arretrati


web metrics