EducaTi: Telecom Italia investe sull'educazione digitale

In collaborazione con il Ministero dell'Istruzione vara un piano di educazione digitale, dalle elementari alle superiori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-01-2015]

scuola

Telecom Italia e il MIUR, il Ministero dell'Istruzione, hanno stipulato una convenzione per un programma triennale di educazione digitale, nel quadro delle iniziative di responsabilità sociale di impresa di Telecom, con un importante impegno finanziario.

A dicembre si è svolta la settimana dedicata al coding, in cui c'è stata una partecipazione di oltre 8.000 classi e 155.000 studenti.

Questa segue l'analoga iniziativa tenutasi lo scorso ottobre, in cui 1.176 classi erano state coinvolte per un totale di 22.464 studenti, di cui 16.166 studenti avevano completato almeno un'ora di programmazione.

Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non è libero?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2967 voti)
Leggi i commenti (2)

In 500 scuole superiori si svolgerà un contest sull'educazione ai social media: gli studenti dovranno realizzare un video per spiegare ai docenti che cos'è la vita sui social network; il migliore sarà premiato.

Per l'Internet security è previsto un piano di formazione, in collaborazione con la Polizia Postale, per formare 15.000 insegnanti "tutor digitali", almeno uno per scuola, competente sui temi della sicurezza informatica e del cyberbullismo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Ma dai che stavamo scherzando!! Le faccine che si mettono a fare? :D E' che tu me le proponi in un piatto d'argento, ed è difficile dire di no!! :wink:
29-1-2015 09:44

@ Maary79 Non stavamo "forse" parlando dell'educazione digitale? Ahi ahi signora Longari, avrebbe detto il buon vecchio Mike :shock:
28-1-2015 23:01

Ecco... il vecchio porco che è in te...si è risvegliato!! :D :fuga:
28-1-2015 09:25

:inc: :malol: :malol:
27-1-2015 18:07

Ed io stavo scherzando! :wink: Vacci, sai che contenti che sarebbero a metterti vicino a qualche vecchietto alle primissime armi? Diventresti una specie di badante informatico...e magari rimorchi qualche arzilla vecchietta! :wink:
27-1-2015 06:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3651 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 dicembre


web metrics