Il malware che ha infettato centomila siti con Wordpress

SoakSoak si diffonde grazie a una falla in un popolare plugin.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-12-2014]

wordpress malware

Sono già oltre 100.000 i siti infettati dal malware denominato SoakSoak e più di 11.000 quelli già inseriti da Google nella propria blacklist.

Si tratta di blog che utilizzano la piattaforma Wordpress: a causa di una vulnerabilità in un plugin molto diffuso - Slider Revolution - sono rimasti vittima di un attacco che li trasforma in veicoli per il malware e spesso redirige i visitatori verso il sito russo SoakSoak.ru.

L'infezione, come spiega Sucuri, si propaga attraverso la modifica del file template-loader.php di Wordpress in maniera tale che in ogni pagina venga caricato il file swfobject.js, che contiene il codice necessario a recuperar il malware vero e proprio dal sito SoakSoak.

Slider Revolution è già stato aggiornato e la vulnerabilità corretta, ma è possibile che molti blog tuttora adoperino una sua vecchia versione; inoltre il plugin viene spesso installato di default dai servizi che offrono pacchetti completi di hosting con Wordpress come CMS e può quindi anche capitare che non tutti sappiano di avere il componente installato.

«Alcuni gestori di siti» - scrive Daniel Cid, di Sucuri - «non sanno nemmeno che l'hanno perché è impacchettato all'interno dei temi. Stiamo bonificando migliaia di siti e quando contattiamo i nostri clienti scopriamo che molti di essi non avevano idea che ci fosse quel plugin».

Sondaggio
Negli ultimi due anni, quante volte hai formattato l'hard disk del PC?
Nessuna
Una
Un paio
Quattro o cinque
Una decina
Di più

Mostra i risultati (3930 voti)
Leggi i commenti (34)

Per verificare l'eventuale presenza di un'infezione, Sucuri mette a disposizione uno strumento online gratuito che, oltre a cercare SoakSoak, identifica anche altre minacce che dovessero essere presenti.

Sul sito ufficiale di Wordpress è anche presente un thread di aiuto per chi si ritrovasse il blog infetto e non sapesse come procedere per ripulirlo.

Si calcola che Wordpress sia utilizzato da circa 70 milioni di siti in tutto il mondo; la caccia all'infezione rischia di durare a lungo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Falla in Wordpress, a rischio 1 milione di siti
Falla in Wordpress, milioni di siti vulnerabili
Attacchi DDoS in aumento, cosa fare per difendersi
WordPress troneggia tra i blogger
Hacker conquistano la root di WordPress
LizaMoon infetta quattro milioni di siti
Nuovo attacco DDoS contro WordPress

Commenti all'articolo (2)

{utente anonimo}
che muori
18-12-2014 08:09

{umby}
Si, avvia un file js, un swf, e poi? Se visito un sito compromesso, che cacchio mi succede? "link"
17-12-2014 22:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1897 voti)
Luglio 2020
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Tutti gli Arretrati


web metrics