Apple brevetta una tecnologia di file sharing P2P legale

Fa calare i prezzi e risparmiare banda, ma lo spettro del DRM è sempre in agguato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-02-2015]

apple p2p legale

Apple ha da poco ottenuto il brevetto su una tecnologia che potremmo definire di "peer to peer legale"; non perché il peer to peer in sé sia illegale ma nel senso che permetterebbe di condividere legalmente con chiunque i contenuti digitali regolarmente acquistati.

Fino a oggi siamo stati abituati ad avere un'unica possibilità di ottenere legalmente un contenuto (un brano, un film): ciascun utente deve pagare un dato prezzo per poter scaricare detto contenuto da un server.

L'idea brevettata da Apple introduce una seconda modalità: dopo che il primo utente ha scaricato il contenuto, pagandolo a prezzo pieno, altri potranno ottenere una licenza per accedervi pagando un prezzo ridotto.

In questo modo il brano, o il film, può essere condiviso legalmente tra più utenti o tra più dispositivi dello stesso utente (basta acquistare la licenza) senza dover passare nuovamente dal server da cui esso è stato ottenuto la prima volta.

Così facendo - spiega Apple - si ottiene il vantaggio di consumare meno banda e in generale di ridurre i costi.

«Questa riduzione delle spese operative può aprire la strada a una struttura dei prezzi su due livelli» spiega l'azienda di Cupertino. «Per esempio, il negozio di contenuti digitali può imporre un primo prezzo agli utenti che scaricano un contenuto digitale dal negozio, e un secondo prezzo agli utenti che ottengono l'autorizzazione ad accedere a un contenuto digitale senza scaricarlo».

Sondaggio
Il governo vorrebbe eliminare la tassa di proprietà travestita da canone, trasferendola sulla bolletta della luce. Sei d'accordo?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2833 voti)
Leggi i commenti (96)

«Ciò» - continua Apple - «può incoraggiare gli utenti a commerciare o copiare contenuti digitali e, allo stesso modo, ad autorizzare queste copie. Tale condivisione può, in cambio, ridurre la pirateria o la copia illegale».

Il meccanismo potrebbe anche funzionare ma sembra comunque un passo indietro rispetto all'andamento attuale del mercato, sempre più orientato verso l'offerta di contenuti DRM free, ossia privi di protezioni dalla copia e che, dunque, non richiedono alcuna autorizzazione per essere condivisi.

L'idea di Apple, infatti, prevede che le autorizzazioni vengano concesse soltanto per quei dispositivi che supportano il sistema di licenze descritto nel brevetto: si tornerebbe, insomma, a uno scenario in cui il DRM è ancora presente.

Bisogna riconoscere tuttavia che la richiesta del brevetto risale al 2011: da allora il panorama della distribuzione di contenuti digitali è molto cambiato, in modi che probabilmente all'epoca non erano previsti, per esempio proprio con la progressiva eliminazione delle protezioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple brevetta un sacchetto di carta
Cinavia, il sistema antipirateria inutile
Un BitTorrent anonimo, decentralizzato e impossibile da chiudere
L'album musicale che si acquista tramite torrent
Il cloud di BitTorrent è decentralizzato
Gene Simmons: ''Pirati nei campi di lavoro come i nazisti''
Le parole sono importanti, quelle dei pirati di più
Senza DRM i brani musicali venderebbero il 10% in più
Regista di film a luci rosse fa scherzone ai pirati

Commenti all'articolo (5)

Marketing e polli ben contenti di farsi spennare. :wink: Leggi tutto
4-2-2015 19:17

Agli utenti/clienti no ma a Apple e ai detentori dei diritti sì. :twisted: Leggi tutto
4-2-2015 19:16

{smemin}
Apple, sempre ingorda di denaro estratto dalle tasche dei suoi affezionati donatori, ha probabilmente studiato questo sistema per aumentare i prezzi dei contenuti ceduti al primo acquirente e via via con il tempo veder aumentare i prezzi dei contenuti scambiati successivamente, aumentando i suoi ricavi risucchiati da target più... Leggi tutto
4-2-2015 11:16

Significa forse che se lo scarico dal pc poi per usufruirne sullo smartphone devo pagare nuovamente? :shock: Oltre al fatto che devo avere solo device che supportano tale "feature"? E perché uno dovrebbe acquistare "a prezzo pieno" per poi regalarlo ad altri, e questi pagare al detentore dei diritti il... Leggi tutto
2-2-2015 17:07

:evil: Come fanno ancora a comprare Apple e derivati.. Mi hanno stancato sti 4 sbruffoni della dirigenza..
2-2-2015 16:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2328 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 ottobre


web metrics