Trololo

Il meme della settimana. Scopriamo da dove viene questo video surreale e la sua strana musica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-02-2015]

Trololo

Basta dire "Trololo" o accennare qualche nota della canzone mostrata in questo video, e un'intera generazione d'internauti coglie subito il riferimento.

Ma da dove vengono il video surreale e la sua strana musica?

L'uomo nel video è Eduard Khil, un cantante russo diventato popolarissimo in Rete per questa sua interpretazione di una canzone pop sovietica del 1976, intitolata "Sono molto contento perché sono finalmente a casa".

La canzone è senza parole: Eduard Khil canta solo suoni privi di senso (dettati dalla severissima censura dell'epoca, come ha raccontato Khil stesso), e lo fa con una pessima sincronizzazione del labiale e con delle movenze che oggi sembrano particolarmente impacciate, bizzarre e artificiose.

Il suo stile molto personale è stato immortalato anche in una puntata de I Griffin, è stato citato nella cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali di Sochi nel 2014 e in mille parodie pubblicate ovunque su Internet, e il video originale, arrivato a oltre venti milioni di visualizzazioni, viene usato spessissimo come rickroll, ossia come destinazione di un link creato per prendere in giro qualcuno promettendogli di mostrargli qualcosa alla quale tiene esageratamente.

Sondaggio
Quale di queste professioni obsolete secondo te ha ancora un futuro?
Agente di viaggio. C'è ancora qualcuno che prenota le vacanze in agenzia? (Parrebbe di sì)
Cassiera di supermercato. Sostituita dalle casse automatiche e dalla spesa online. (Ma i clienti rimangono affezionati al vecchio sistema)
Centralinista. Sostituito dai centralini digitali. (Eppure resiste in molte aziende)
Data entry. Mai sentito parlare di scanner e OCR? (Invece c'è chi inserisce ancora tutto a mano)
Dattilografo. I dirigenti moderni gestiscono il proprio blog, non dettano più gli appunti a una segretaria; al massimo usano il riconoscimento vocale. (Ma esistono davvero dirigenti... moderni?)
Impiegato di banca allo sportello. Con i conti online è una figura sempre meno utile. (Però in banca tutti lo cercano)
Giornalista. Con Google News, Facebook, Twitter e i blog, c'è ancora bisogno di loro? (Almeno dei migliori, evidentemente sì)
Postino. Con la posta elettronica, la posta tradizionale va diminuendo sempre più. (Ma ci vuole sempre qualcuno che la consegni)

Mostra i risultati (2482 voti)
Leggi i commenti (9)

Eduard Khil era famoso in patria negli anni Settanta, tanto da ricevere un riconoscimento come Artista del Popolo dell'Unione Sovietica, ed ebbe una carriera ventennale, anche come musicista, che lo portò in tour in decine di paesi.

Khil scoprì per caso di essere una star di Internet nel 2010, quando sentì il nipote canticchiare la sua canzone, e negli anni successivi tornò alla ribalta con nuove interpretazioni della stessa canzone anche alla TV russa e, inevitabilmente, su Youtube.

Eduard Khil si è spento a maggio del 2012 a 77 anni, ma per la cultura di Internet sarà sempre il protagonista del meme del Trololo.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Wilhelm Scream

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (4)

Senza scordare fra i vari tributi degni di nota: link
26-2-2015 16:26

Per me è Jerry Lewis della Russia :D
26-2-2015 03:00

Se non avessi letto che e' russo avrei giurato fosse il cugino (o il fratello) del mago Silvan...
25-2-2015 22:57

{alise}
Amarcord
25-2-2015 20:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1470 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics