Google, maxi-multa in arrivo da Bruxelles

L'Antitrust europeo sarebbe pronto a sanzionare il colosso americano per 6 miliardi di euro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-04-2015]

google antitrust ue maximulta

Sono ormai alcuni anni che Google è nel mirino dell'Antitrust europeo, che sospetta il gigante americano di aver abusato della propria posizione dominante.

In Europa, il motore creato da Sergey Brin e Larry Page è usato per il 90% delle ricerche, una percentuale superiore a quella registrata negli USA, dove Google si ferma al 75%.

Secondo l'Antitrust, la società di Mountain View avrebbe approfittato di questa preferenza per favorire i propri servizi ritoccando i risultati, ignorando la tanto pubblicizzata oggettività.

Ora il Wall Street Journal sostiene che le indagini dell'autorità europea sarebbero vicine alla conclusione e che le autorità di Bruxelles si starebbero preparando a comminare a Google, riconosciuta colpevole, una multa pari al 10% del fatturato del 2014.

Considerato che l'anno scorso è stato chiuso con ricavi per 66 miliardi di dollari, la multa, fatte le conversioni del caso, potrebbe quindi arrivare a circa 6 miliardi di euro.

Sondaggio
Secondo te qual l'estensione pi utilizzata in Italia, tra le ultime nate?
.app
.art
.casa
.cloud
.design
.holiday
.hotel
.online
.shop
.srl
.store
.web

Mostra i risultati (1511 voti)
Leggi i commenti (1)

Tra gli indizi che lasciano presagire una vicina conclusione della vicenda c'è la richiesta, avanzata dalla Commissione alle aziende che hanno a suo tempo presentato ricorso contro Google, di poter pubblicare alcune informazioni fornite alla Commissione stessa in via confidenziale: secondo il Wall Street Journal questo sarebbe un segno chiaro del fatto che ormai i giochi sono pressoché conclusi.

Ufficialmente non c'è ancora nulla di deciso ma la vicenda non può che richiamare alla memoria quella che vide l'Antitrust opposto a Microsoft, la quale alla fine si trovò a dover sborsare più di 2 miliardi di euro.

D'altra parte, esiste ancora la possibilità che le parti in causa arrivino a un accordo prima che la sanzione venga comminata; tuttavia i margini di manovra per Google paiono piuttosto stretti, dato che la Commissione attuale non sembra propensa a rivedere le proprie posizioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Come si legge nell'articolo proposto come approfondimento, che la posizione di Google tra i motori di ricerca sia "dominante" un dato di fatto evidente. Ora per la Commissione Europea ha deciso di indagare per vedere se il gigante di Mountain View abbia approfittato e abusato di questa posizione. Joaqun Almunia,... Leggi tutto
16-4-2015 10:13

{gab}
Francamente non capisco il problema. Ognuno è libero di usare il motore di ricerca che vuole, e una ricerca è gratis. Ognuno è libero di andare su Bing, Yahoo! o Duckduckgo. Voglio vedere poi come fanno a dimostrare di aver alterato i risultati, visto che nessuno conosce l'algoritmo di Google.
16-4-2015 09:52

Se le prove ci sono (e personalmente non ho alcun dubbio) giusto che venga posta una corposa sanzione. Non comprendo come non si possa capire a che situazione si arrivati in ormai oltre 20 anni di globalizzazione che ha avvantaggiato le multinazionali in generale, e quanto liberamente abbiano potuto agire aziende del genere nel... Leggi tutto
9-4-2015 10:53

{Asura}
"...di aver abusato della propria posizione dominante." Certo che ne raccontano di barzellette. Qualunque azienda nelle giuste condizioni "abusa" della propria posizione dominante; fa parte del business e del mantenimento dello stesso nel tempo... Non è un pesce d'aprile, vero?
3-4-2015 20:22

{napot}
E ci credo che la commissione non è disposta a rivedere le proprie posizioni; con la carenza di quattrini che c'è, 6 milirdi fanno proprio gola. Mi domando quanti di quei soldi sarebbero effettivamente versati, quanti finirebbero girati in lavori pubblici e quanti in lavori "privati".
3-4-2015 11:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sim o Wi-Fi?
Con Sim e piano dati attivo.
Con Sim ma senza piano dati.
Ho Sim e piano dati ma uso soprattutto il Wi-Fi.
Solo Wi-Fi.

Mostra i risultati (1540 voti)
Febbraio 2023
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 febbraio


web metrics