Airbag esterni per l'auto senza pilota di Google

Proteggeranno i pedoni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-04-2015]

Google Self driving car vehicle mockup 1

Una delle caratteristiche su cui Google si sta concentrando maggiormente mentre realizza l'auto senza pilota è la sicurezza; non soltanto quella degli occupanti, ma anche quella degli altri mezzi e, soprattutto, dei pedoni.

Nulla farebbe finire il sogno di un veicolo che si guida da solo più in fretta di un incidente grave, quando non addirittura fatale.

Purtroppo però gli incidenti possono capitare e così, per proteggere i pedoni che dovessero scontrarsi con l'auto senza pilota, Google ha brevettato l'airbag esterno.

In sé non si tratta di un'idea completamente nuova: Volvo l'ha già messa in pratica sulla V40, ma l'approccio utilizzato dall'azienda di Mountain View è differente: se la Casa svedese ha adottato un sistema che solleva il cofano, al fine di prevenire danni alla testa delle persone investite, Google ha deciso di puntare su dei dispositivi più simili agli airbag che siamo abituati a vedere all'interno delle auto.

Si tratta infatti di "cuscini" che si gonfiano in una frazione di secondo e attutiscono l'impatto della persona con la vettura. Una differenza importante rispetto agli airbag tradizionale sta però nel materiale con cui quelli ideati da Google sono realizzati.

I test hanno infatti dimostrato che utilizzare i materiali normalmente adoperati porterebbe a far "rimbalzare via" la vittima; così i ricercatori di Mountain View hanno optato per un materiale viscoelastico.

google airbag esterno 01

Il fatto che Google abbia brevettato questa tecnologia non significa che presto la vedremo in azione sui prototipi che circolano sui circuiti privati e, in qualche caso, sulle strade americane.

colorcorrected 10

L'attenzione per la sicurezza in questo modo dimostrata potrebbe comunque riuscire a tranquillizzare quanti non possono fare a meno di innervosirsi un po' pensando alla possibilità di viaggiare fianco a fianco, sulla pubblica via, di auto che nessun essere umano sta guidando.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google brevetta l'adesivo per i pedoni investiti dalle auto
Google, l'auto senza pilota è realtà
L'auto di Google senza pilota non funziona quando piove
Google costruisce prototipo dell'auto che si guida da sola
L'auto senza pilota di Google affronta pedoni, parcheggi e incroci
Da Volvo l'auto con airbag esterno per i pedoni
L'airbag esterno per i pedoni

Commenti all'articolo (3)

In effetti sarei curioso di vederli all'opera questi airbag per verificarne l'efficacia ma non mi offrirei certo come cavia... :wink:
11-4-2015 15:27

Airbag esterni?! Mi sembra un'idea assurda: un urto tra un pedone fermo e un oggetto in movimento a 40 Km/h danneggia il pedone in ogni caso, anche se l'urto è attutito da un airbag. E' proprio la differenza di velocità la causa dei danni alla persona, non credo che un airbag possa evitarli ma solamente renderli un pochino meno gravi.
10-4-2015 15:32

O forse sarebbe la volta buona che i pedoni imparano ad essere prudenti? :wink:
10-4-2015 10:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics