La scatola nera che sorveglia il web

La Francia approva il monitoraggio permanente e sistematico di tutte le comunicazioni in Rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-04-2015]

francia boite noire scatola nera web

L'Assemblea Nazionale, il parlamento francese, ha approvato (seppure non ancora in via definitiva) la famigerata "boîte noire", la "scatola nera" che registrerà e analizzerà sistematicamente tutto il traffico dati degli utenti francesi.

Con una larga maggioranza, che va dai socialisti al governo fino all'opposizione gollista di centrodestra, l'Assemblea ha espresso il proprio parere positivo: salvo modifiche, quando la legge sarà passata gli Internet provider saranno obbligati a installare il dispositivo, gestito dai servizi segreti, che terrà traccia di mittente e destinatario delle email, dei siti visitati e dei metadati di ogni comunicazione online.

Solo associazioni come Amnesty International, molto seguita in Francia, e La Quadrature du Net si sono attivate per mobilitare l'opinione pubblica contro i rischi per la libertà di comunicazione e per la privacy.

Oltre a imporre la boîte noire, la legge prevede che tutti i provider e i gestori di portali web o social network debbano dotarsi di un rappresentante legale in Francia, e collaborare alle indagini su messaggi, foto o altri contenuti che veicolino messaggi d'odio, razzismo, antisemitismo o omofobia.

Sondaggio
Quale fra questi consigli Ŕ davvero irrinunciabile per avere un Pc sempre in ottima forma? Rispondi al sondaggio e discutine con noi.
Cancellare i file non necessari.
Evitare le temperature eccessive.
Installare e aggiornare il software antivirus.
Interrompere o limitare l'uso di funzioni non essenziali.
Mantenere il computer ottimizzato e costantemente aggiornato.
Mantenere puliti display e tastiere.
Mettere il portatile in modalitÓ "sleep" o "ibernazione" quando si effettua una pausa.
Non lasciare che il notebook si surriscaldi.
Utilizzare una borsa porta PC.

Mostra i risultati (2923 voti)
Leggi i commenti (31)

Ciò avviene perché le ingiurie razziste o a tema religioso sono diventate un reato penale, il che implica sanzioni più pesanti.

Secondo gli avvocati di Charlie Hebdo se la legge fosse stata approvata prima perfino la redazione del settimanale satirico poi massacrata sarebbe potuta essere processata e condannata per ingiuria contro i musulmani.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Il Regno Unito sperimenta un sistema di sorveglianza spiando le mail dei giornalisti
Quei cellulari cinesi preinfettati in fabbrica
Kim Dotcom promette comunicazioni non intercettabili
Datagate, gli agenti della NSA spiavano anche mogli e fidanzate
Insecam, il sito delle webcam insicure
La ''backdoor'' di iOS che facilita la sorveglianza
USA, aerei usati dal governo per spiare i cellulari
Ma quanto sono spione le ''smart TV''?
Il Datagate si estende anche alla posta tradizionale

Commenti all'articolo (3)

Certo che la patria della libertÓ e dell'illuminismo si sta proprio riducendo male... :umpf:
1-5-2015 16:34

{Dino}
Senza accorgersene i francesi stanno dando potere ad un governo (e a un intero parlamento) terrorista, che usa il "terrorismo" o il "razzismo" per controllarli in una morsa sempre più opprimente. E bisogna dire che i francesi hanno anche una burocrazia più soffocante di quella italiana e per di... Leggi tutto
22-4-2015 20:59

{efeen}
Quello che leggo è semplicemente mostruoso. E sono tutti d'accordo, anche. Della loro rivoluzione hanno dimenticato tutto, anche se a loro discolpa si può dire che di veri francesi ne sono rimasti ben pochi, in quel Paese. E intanto Baffone sta ritornando a grandi passi...
22-4-2015 13:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1814 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 gennaio


web metrics