La macchina del pane con le capsule predosate di farina

Preparare il pane in casa diventa semplicissimo, ma anche costoso.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2015]

easy bread

Quello delle macchine per fare il pane in casa è un mercato che negli ultimi tempi ha conosciuto una certa espansione; soprattutto alcuni anni fa, un'ondata di entusiasmo ha fatto sì che chiunque - pareva - volesse preparare da sé il proprio pane.

Dal desiderio al risultato, però, il passo non è immediato: presto gli aspiranti panettieri casalinghi hanno scoperto che era necessario dosare con cura gli ingredienti, che non tutte le farine sono uguali e che molti fattori possono influenzare la buona riuscita del prodotto.

Easy Bread è una macchina per il pane che si propone come soluzione definitiva a tutte queste difficoltà: infatti non richiede che il proprietario dosi manualmente gli ingredienti, ma usa un sistema di capsule predosate cui si deve aggiungere soltanto l'acqua.

Il principio è in fondo simile a quello delle macchine del caffè a cialde o a capsule: si inserisce la capsula, si aggiunge l'acqua e si preme il pulsante di avvio; sarà poi la macchina a occuparsi di tutte le fasi.

Certamente la semplicità è il vantaggio che subito balza all'occhio, ma ci sono anche altre caratteristiche da tenere presenti.

Sondaggio
L'amazonite è...
Una pietra (semi)preziosa.
La spasmodica ammirazione per un popolo di donne guerriere.
Lo shopping compulsivo e la dipendenza patologica da un noto negozio online.
Nessuna di queste. In italiano si scrive amazzonite ;)

Mostra i risultati (1465 voti)
Leggi i commenti

Easy Bread, per esempio, offre diverse miscele di ingredienti (capsule differenti per diversi tipi di pane) ma la macchina in sé è limitata a un unico programma e a un solo formato di pane (500 g), né può preparare altri impasti (come quelli per i dolci, o per la pizza).

Inoltre, c'è la non secondaria questione dei costi. Già il prezzo della macchina in sé è abbastanza elevato (oltre 140 euro); poi non si può non notare come la scelta del sistema a capsule faccia salire il costo del pane al chilo.

Infatti, come dimostrano i conti fatti da Altroconsumo un chilo di pane realizzato con Easy Bread viene a costare oltre 6 euro, ossia circa il doppio di quanto lo si pagherebbe nel negozio del panettiere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

{vedovato}
Imperdibile
12-5-2015 20:00

{Padoloc}
...senza contare che la farina contiene i cosiddetti "miglioratori", cioè una sfilza di additivi che si aggiunge alla sfilza che troviamo in ogni cosa che comperiamo già pronta. Poi Big Pharma e accoliti (tra cui i medici) se la ridono a più non posso.... Bestiame da ingrasso...
10-5-2015 20:13

Firulì firulà. :innocente: Mauro Leggi tutto
10-5-2015 11:33

{Elisa}
@gomez, grazie, mi informerò!
9-5-2015 18:24

:malol: Leggi tutto
9-5-2015 15:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (2109 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 13 agosto


web metrics