Pornodipendenza, a rischio i fumatori e i più giovani

Secondo uno studio, i giovani che consumano abitualmente materiale hard sviluppano disfunzioni nella sfera sessuale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2015]

dipendenza pornografia studio padova

Che la pornografia potesse generare dipendenza, al pari della droga e dell'alcool, era già stato dimostrato da uno studio nel 2013.

Ora una nuova ricerca, condotta da un gruppo dell'Università di Padova coordinato dal dottor Carlo Foresta e pubblicata sull'Internationa Journal of Adolescent Medicine and Health, mostra quanto la pornografia via Internet stia incidendo sulla vita dei giovani tra i 18 e i 20 anni.

Il primo risultato è che la maggioranza fruisce abitualmente dei siti porno: in generale, li visita il 78% dei ragazzi, anche se ci sono variazioni nella frequenza di questo comportamento.

I più (il 63%) visitano i siti hot più volte a settimana; c'è poi una percentuale consistente di giovani, pari al 29%, che si limita invece a qualche volta al mese. Il restante 8% afferma invece di frequentare siti porno più volte al giorno, restandovi in media tra i 20 e i 30 minuti.

Gli intervistati hanno affermato che la pornografia è diventata ormai un'abitudine e il 10% di essi ha riconosciuto di essere ormai diventato dipendente, fenomeno che non è privo di conseguenze.

Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5128 voti)
Leggi i commenti (41)

L'identikit del consumatore abituale di materiale porno mostra che per lo più si tratta di figli unici i cui genitori sono generalmente assenti per lavoro e che quindi si trovano per lunghi periodi a casa da soli; inoltre i fumatori amanti del porno sono più dei non fumatori: 55% contro 40%.

Lo studio afferma infatti che quando la necessità di visionare materiale porno raggiunge certi livelli, a partire da quelli di chi lo fa più volte a settimana, ci sono ricadute sensibili nella vita reale: il 25% dei casi mostra comportamenti sessuali che i ricercatori definiscono «compromessi» e che si possono considerare vere e proprie disfunzioni.

Nel 16% dei casi si nota un calo importante del desiderio sessuale; il 4% denuncia un aumento dell'eiaculazione precoce o comunque disturbi nell'eiaculazione.

Non è finita qui: l'abitudine alla pornografia riduce in maniera consistente i rapporti con persone dell'altro sesso e anche l'attenzione alla prevenzione delle malattie trasmesse sessualmente. I rapporti sono infatti protetti soltanto nel 25% dei casi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Dipendenza da telefonino, i giovani messaggiano anche durante il sesso
Pornodipendenti come per alcol e droga
Dipendenza da iPhone? No, è amore vero
Dipendenza da Facebook? Ecco chi la cura

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

Io no... azz... :weeps:
1-7-2015 18:44

Ah, sì, il famosissimo gruppo de "Le Zoccole Islandesi"; fortissime quelle, le conosco... :ok!: Leggi tutto
1-7-2015 00:08

{briver}
in islanda capita che una ragazza decida di passare la serata con un qualcuno che fino a poche ore prima neppure conosceva e nessuno se ne preoccupa ,in questo modo la pornografia e' quasi inutile ,certi studi sono molto inerenti ai luoghi in cui vengono organizzati
29-6-2015 21:53

Così non si finisce più... :wink:
11-5-2015 18:40

E per parcondicio: La dipendenza da videogames, da gioco d'azzardo on-line, da tv, da acquisti on-line...poi che c'è che può dare dipendenza? Cominciamo ad elencare tutte le cose estranee all'elettronica? :wink: Leggi tutto
11-5-2015 15:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sempre più siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessità del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (5445 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics