Identificazione biometrica anche attraverso i batteri

I microorganismi che vivono dentro di noi sono unici come le impronte digitali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-05-2015]

microbioma identificazione

L'ultima frontiera dell'identi-
ficazione biometrica non si affida alle impronte digitali, o alla scansione dell'iride, e nemmeno al DNA: usa invece i microorganismi che vivono dentro e sul nostro corpo, o microbioma.

La scoperta si deve ad alcuni ricercatori di Harvard i quali, utilizzando i dati pubblicamente disponibili del Progetto Microbioma Umano, hanno mostrato come i microorganismi che vivono nel corpo di ciascuno costituiscano una sorta di "impronta" unica che non varia nel tempo.

Il Progetto Microbioma Umano esamina i microorganismi presenti nelle feci, nella saliva, sulla pelle e in altre locazioni del corpo di 242 individui nel corso di diversi mesi.

I ricercatori, guidati da Eric Franzosa, hanno scoperto che una gran parte delle "impronte" costituite dai microorganismi sono rimaste stabili per oltre un anno; in particolare, l'impronta ricavata dai batteri dell'intestino si è dimostrata particolarmente stabile, permettendo di identificare i singoli individui dopo un anno con un'accuratezza dell'80%.

«Collegare un campione di DNA umano a un database di "impronte" di DNA umano è la base per la genetica forense, un campo ormai vecchio di decenni» ha spiegato Franzosa. «Abbiamo dimostrato che lo stesso tipo di collegamento è possibile usando sequenze di DNA prese da microbi che abitano il corpo umano, senza usare DNA umano. Ciò apre la porta alla connessione di microbiomi umani tra database diversi, cosa che potenzialmente può rendere pubbliche diverse informazioni personali: per esempio, un'infezione trasmessa sessualmente, rilevabile dal campione di microbioma stesso».

Sondaggio
Ora che la musica soprattutto digitale, che cosa farai dei vecchi CD audio che non ascolti pi?
Li butto via
Li vendo
Li regalo
Li "rippo" sul Pc
Li metto sul lunotto dell'auto per evitare gli autovelox
Ci tappezzo la stanza o ne faccio sottobicchieri

Mostra i risultati (2180 voti)
Leggi i commenti (43)

Secondo il professor Curtis Huttenhower, di Harvard, le probabilità che tale violazione della privacy si verifichi sono molto basse, mentre sono importanti le ricadute per i ricercatori.

«Tutto ciò suggerisce che i nostri residenti microbici sono adatti all'ambiente del nostro corpo - la nostra genetica, la nostra dieta, la storia del nostro sviluppo - in una maniera tale che restano con noi e aiutano a scacciare gli invasori microbici meno amichevoli che si presentano nel tempo» spiega il professore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Per rubare le impronte digitali basta una foto
Garante privacy, nuove regole per i dati biometrici
La firma biometrica nel didietro
Le orecchie sono meglio delle impronte digitali
Il bancomat biometrico arriva in Europa

Commenti all'articolo (1)

Mi sembra che un'accuratezza dell'80% dopo un anno per condannare una persona per un qualche delitto sia un po pochino... :? Forse devono lavorarci ancora per migliorare... :roll:
26-5-2015 19:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dicono che il software la parte del computer contro la quale possibile solo imprecare, l'hardware quella che si pu anche prendere a calci. Quale hai preso a calci pi frequentemente?
Case e alimentatore
Scheda madre
Processore o CPU
Schede video e audio
Hard disk
Lettori Cd / Dvd
Monitor
Stampanti e scanner
Tastiera e mouse

Mostra i risultati (1451 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics