Le scarpe di alta moda stampate in 3D

Fatte per i piedi... ma non coi piedi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-06-2015]

3d printed shoes

Durante il Design Week Festival, evento tenutosi a Milano qualche tempo fa nell'ambito dell'ormai imperdibile Fuorisalone, una delle maggiori curiosità è stata realizzata da un guppo di designer impegnati nella produzione di scarpe realizzate con stampanti 3D.

Dal punto di vista strettamente tecnico, ciascun modello è stato concepito e realizzato in sole 24 ore impiegando due diversi materiali; nylon per le suole e poliuretano flessibile per la tomaia. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quando guidi in città, chi non vorresti incontrare nel traffico?
La Scuola Guida
Il neopatentato
La donna che si trucca in coda
Il manager che legge un quotidiano in coda
L'imbranata: parte in terza e si spegne il motore
L'avvoltoio dei parcheggi: continua a girare fino trovarne uno
La mamma con il SUV davanti alla scuola
L'indeciso sulla strada da prendere
Il vecchio col cappello
Il camion della nettezza urbana

Mostra i risultati (2461 voti)
Leggi i commenti (43)
Così Ben van Barkel ha creato il modello Unix2, sostanzialmente uno zoccolo abbellito da un insieme di linee verticali, mentre Zaha Haid ha realizzato il modello Flames, destinato - pare - a chi sa camminare senza poggiare il tallone al suolo.

Altri modelli futuribili sono stati presentati dall'architetto Fernando Romero e da altri noti designer quali Ross Lovegrove e Michael Young. Tutti sono disponibili in edizione limitata di 50 esemplari.

Dopo le polemiche relativa alle "ballerine" timidamente proposte durante il Festival di Cannes, resta la curiosità di scoprire se e quando le nuove calzature saranno ufficializzate in qualche evento mondano di risonanza internazionale.

UNX2 Ben van Berkel United Nude shoes
Michael Young United Nude shoes
Flames Zaha Hadid United Nude shoes
Ammonite Fernando Romero United Nude shoes
Ilabo Ross Lovegrove United Nude shoes 740x529
united nude re inventing shoes milan design week designboom 31
united nude re inventing shoes milan design week designboom 22

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

Beh allora io faccio parte dei quasi... comunque acquistare una stampante 3D solo per sfizi di questo genere non credo se lo possa permettere chiunque per cui le cifre incongrue si spenderebbero lo stesso.
27-11-2022 10:16

Considerate che oggigiorno per Halloween, in passato a Carnevale tutti o quasi indosserebbero qualcosa di veramente assurdo: l'idea di poterselo fare in casa senza spendere cifre incongrue in teoria è attraente (ma in pratica solo un riccone comprerebbe una stampante 3D per gli sfizi di qualche giorno all'anno).
27-11-2022 08:28

Anche io ho avuto la stessa impressione, le trovo senza senso...
26-11-2022 20:05

Però, a distanza di sette anni direi che sono, se possibile, ancora più brutte e sembrano sempre più scomode... :x
26-11-2022 14:50

Sembrano uscite dal guardaroba di Lady Gaga (che tra l'altro è tra le poche persone che potrebbe permettersi di tenere la stampante in casa per gli eventi last minute...).
7-11-2022 19:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1440 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 novembre


web metrics