Cyberbullismo, amicizie online con adulti, informazioni personali

5 suggerimenti per i genitori dei nativi digitali



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-07-2015]

bambini tablet

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
5 suggerimenti per i genitori dei nativi digitali

Interazioni online/offline

Circa il 70% dei genitori intervistati che utilizza i social media, segue o è collegato ai propri figli, nella speranza di ottenere accesso alle loro interazioni con i rispettivi follower e con gli amici, attraverso le informazioni che pubblicano.

Inoltre, l'86% dei genitori ritiene di essere a conoscenza dei tipi di attività che i propri figli svolgono online.

Protezione delle informazioni personali

La maggior parte dei genitori (63%) considera importante che i propri figli siano informati sulle problematiche di sicurezza o di sicurezza informatica online per mantenere le proprie informazioni personali protette.

L'indagine indica che i figli sono della stessa opinione, dal momento che l'83% si dichiara preoccupato per la privacy dei propri dati personali e il 76% si sta aggiornando sulla sicurezza online dai propri genitori.

Malintenzionati

Il 47% dei preadolescenti e adolescenti ritiene che l'accesso da parte di estranei ai loro dati personali sia la cosa peggiore che possa accadergli online. Tuttavia, il 25% conosce le password di altre persone.

I ragazzi condividono le motivazioni per cui vorrebbero accedere ad account altrui: il 41% vuole vedere se la persona intrattiene conversazioni con un ex, mentre il 34% vuole vedere foto private e il 26% desidera trovare informazioni scabrose sull'altra persona.

Cyberbullismo

Il 76% dei genitori ha avuto un confronto con i propri figli a proposito di atti di bullismo, mentre il 44% dei giovani è stato testimone di un comportamento crudele sui social media.

Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (2886 voti)
Leggi i commenti (29)

Del 27% che ha ammesso di aver maltrattato qualcun altro, il 44% lo ha fatto in risposta a un comportamento malvagio, mentre al 33% non piaceva la persona.

Social Media

Secondo i genitori, i siti di social media più comuni frequentati dai propri figli sono Facebook (80%), YouTube (46%), WhatsApp (40%), Instagram (34%), Twitter (30%), Skype (29%) e Snapchat (19%).

Secondo la maggior parte dei genitori (54%) non vi è alcun luogo sicuro online dove pubblicare le foto del proprio figlio.

"Like" e "favorites"

Il 57% dei "like" e dei "favorite" sui social media riguarda informazioni personali. Infatti, sono le foto ad avere il massimo dei "like" (26%), seguite dai selfie (25%) e dalle foto di gruppo (24%).

Amicizie online con adulti

Il 46% dei genitori non si preoccupa se i figli sono amici di adulti sui social media. Tra questi, il 96% dei genitori approva se la persona è un parente o qualcuno che conoscono, e il 50% dei genitori permetterebbe ai propri figli di essere amici di un insegnante.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
5 suggerimenti per una maggiore sicurezza online

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Cyberbullismo, il Parlamento sta snaturando la legge

Commenti all'articolo (3)


Sì sì, infatti io mi riferisco proprio ai figli adolescenti, cercando di immaginare come mi comporterei io ora. Poi penso che tra dieci anni chissà
10-7-2015 15:07

Penso che ci si riferisca a quei genitori che hanno i figli adolescenti o preadolescenti ora, tra 10 anni è difficile fare previsioni, potrebbe essere che internet, non esista neppure più...piuttosto si dovrà seguire questa regola con i figli, in maniera di istruirli, poi le cose brutte accadono con o senza la rete... Leggi tutto
10-7-2015 13:49

Sono un quarantenne, padre di un figlio di un anno e mezzo, ma a parte tutte le altre condivisibili raccomandazioni, non riesco proprio a condividere questa. Per quanto pericolosa possa essere "la strada virtuale", credo che i figli abbiano diritto ad una propria privacy (almeno dopo una certa età, diciamo dall'adolescenza... Leggi tutto
10-7-2015 07:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste famose "leggi" condividi maggiormente?
Un oggetto cadrà sempre in modo da produrre il maggiore danno possibile.
Qualsiasi cosa vada male, avrà probabilmente l'aria di andare benissimo.
Per ottenere un prestito bisogna provare di non averne bisogno.
L'altra coda va sempre più veloce.
A qualunque cosa si stia lavorando, non appena si mette via uno strumento, certi di aver finito di usarlo, immediatamente se ne avrà bisogno.
Si troverà sempre una qualsiasi cosa nell'ultimo posto in cui la si cerca.
Le probabilità che un giovane maschio incontri una giovane femmina attraente e disponibile aumentano in proporzione geometrica quando è in compagnia della fidanzata, della moglie o di un amico più ricco.
Prima o poi la peggiore combinazione possibile di circostanze è destinata a prodursi.
La necessità procura strani compagni di letto.
Per quanto uno cerchi e si informi prima di comprare un qualsiasi articolo, lo troverà a minor prezzo da un'altra parte non appena l'avrà acquistato.

Mostra i risultati (2564 voti)
Settembre 2020
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Tutti gli Arretrati


web metrics