L'hoverboard di Lexus funziona davvero

Lo skateboard antigravità di Ritorno al Futuro adesso è realtà, o quasi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-08-2015]

lexus hoverboard slide 02

Di tutte le tecnologie che il film Ritorno al futuro - Parte II ha immaginato per il 2015 quella che ha colpito maggiormente l'immaginazione è l'hoverboard, lo skateboard antigravità usato dal protagonista in alcune scene.

Considerato l'anno in cui ci troviamo non era difficile aspettarsi che molti tentassero di far diventare realtà quella tecnologia immaginaria, a volte architettando scherzi ben riusciti.

Non vuole invece scherzare la giapponese Lexus, che sin da giugno ha annunciato di voler realizzare un vero hoverboard, e ora l'ha svelato al pubblico.

In uno skatepark costruito appositamente a Barcellona, Lexus ha reso pubblica l'ultima fase di test del proprio hoverboard, che l'azienda chiama Slide, definendola «un successo».

Grazie alla collaborazione con il professionista Ross McGouran Lexus ha potuto mostrare ciò che è riuscita a realizzare, costruendo un oggetto che non ha precedenti e che ha messo alla prova l'abilità di McGouran: «Faccio skateboard da 20 anni» - ha spiegato - «ma senza attrito mi sono sentito come se avessi dovuto imparare un'abilità completamente nuova, soprattutto la posizione e l'equilibrio necessari per usare l'hoverboard. È un'esperienza del tutto nuova».

Sondaggio
Come preferiresti controllare la Tv?
Con lo smartphone
Con il tablet
Con i gesti del corpo
Con la voce
Con il pensiero
Con il telecomando

Mostra i risultati (1759 voti)
Leggi i commenti (1)

Nel video, che riportiamo più sotto, McGouran si esibisce in diverse evoluzioni e mostra come l'invenzione di Lexus riesca persino a fluttuare su quelle parti del percorso coperte d'acqua.

Quanti già sognano di poter acquistare il proprio hoverboard con il quale poter andare dovunque resteranno però delusi: la libertà di movimento è limitata alla pista appositamente realizzata e, attualmente, unica nel suo genere.

Essa è infatti costituita da magneti, sui quali l'hoverboard fluttua grazie ai superconduttori di cui è dotato, che vengono raffreddati con azoto liquido a -180 gradi centigradi ogni volta che si deve fare un'esibizione.

Ciò significa che la tavola può galleggiare al di sopra dei magneti - a un'altezza massima di 4 centimetri - soltanto per un tempo limitato: dopo circa 20 minuti (a seconda della temperatura dell'ambiente) l'effetto del raffreddamento svanisce, e con esso la capacità di "galleggiare nell'aria".

Viene a questo punto da chiedersi come mai Lexus si sia data tanta pena per cercare di realizzare questo sogno, e la risposta è abbastanza scontata: pubblicità. L'hoverboard è stato pensato come uno strumento per promuovere l'azienda e far parlare di essa: da questo punto di vista, si può sicuramente dire che è stato un successo.

lexus hoverboard slide 01
lexus hoverboard slide 03
lexus hoverboard slide 04
lexus hoverboard slide 05

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'hoverboard che funziona davvero
L'auto elettrica di Lexus fatta di cartone
Lo skateboard antigravità di ''Ritorno al Futuro''
La moto volante di Star Wars è realtà
L'ascensore spaziale entro il 2050
Google rinuncia all'ascensore spaziale e all'hoverboard

Commenti all'articolo (2)

Va bene che oggi le spese per farsi e fare pubblicità ai propri prodotti sono enormi però anche questo giochetto non dev'essere costato poco... e ha anche poca attinenza al prodotto di Lexus che sono automobili... :? Leggi tutto
14-8-2015 18:04

{Lucio}
È inutile, sono arrivati tardi. Nel film era dato per scontato che tale tecnologia (come quella degli abiti ad autotaglia o le Nike che si allacciano da sole) siano di largo consumo...
9-8-2015 18:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2248 voti)
Settembre 2019
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics