Facebook, Zuckerberg annuncia il pulsante Non mi piace

Il CEO del social network svela l'arrivo di nuovi modi per giudicare i post degli amici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-09-2015]

facebook dislike non mi piace

Quella dell'imminente introduzione del pulsante Dislike ("Non mi piace") su Facebook è una storia che si ripete periodicamente: l'ultima volta se n'era parlato nel 2013 e, come tutte le altre volte, non era successo niente.

Stavolta però le cose sono diverse, perché è stato Mark Zuckerberg in persona a sbilanciarsi in merito. «Penso che la gente abbia chiesto un pulsante Dislike per diversi anni. Oggi è un giorno speciale perché oggi è il giorno in cui posso dire che ci stiamo lavorando e lo stiamo distribuendo» ha dichiarato il fondatore di Facebook secondo quanto ha riportato la CNBC.

A dire la verità, non c'è unanimità sulle parole pronunciate dal CEO del social network. Secondo Bloomberg, infatti, Zuckerberg avrebbe in realtà detto: «La gente che chiesto un pulsante Dislike per diversi anni. Finalmente vi abbiamo ascoltati e ci stiamo lavorando e distribuiremo qualcosa che verrà incontro alle necessità di una comunità più vasta».

La differenza tra le due versioni non è secondaria: Facebook introdurrà davvero un pulsante che permetterà a un utente di dichiarare tutto il proprio disgusto verso il post di un "amico", o ripiegherà su una versione più soft?

Finché c'è un pulsante che permette di esprimere il proprio apprezzamento per qualcosa, tutti sono contenti: il peggio che può capitare è che chi non apprezza un post non prema Mi piace o, al più, scriva un commento denigratorio; ma quest'ultima attività costa fatica, mentre la pressione di un pulsante è molto più veloce.

Così, qualora dovesse apparire un pulsante che dice Non mi piace, il suo uso potrebbe essere molto apprezzato e rovinare i rapporti tra i cosiddetti amici. Ciò è un problema? Per Facebook sicuramente: il social network vive della condivisione dei contenuti e un mezzo semplice che permette di bollare negativamente detti contenuti potrebbe far calare le condivisioni, e quindi l'attività degli utenti, e quindi l'appetibilità per gli inserzionisti pubblicitari.

Sondaggio
Quali tra queste informazioni ti piacerebbe che fossero rese pubbliche?
I provvedimenti sanitari relativi a bar, ristoranti e altri locali pubblici.
Il casellario giudiziale con le fedine penali dei cittadini.
Le valutazioni sulle performance degli insegnanti scolastici e dei professori universitari.
Le transazioni immobiliari effettuate da ciascun cittadino.
I mutui accesi da ciascun cittadino.
Le dichiarazioni dei redditi di ciascun cittadino.

Mostra i risultati (1730 voti)
Leggi i commenti (12)

Così si capisce meglio perché sembra più veritiera la versione riportata da Bloomberg, specialmente se si considera che Zuckerberg pare aver anche aggiunto un'altra frase significativa: «Ciò che essi [gli utenti] vogliono è l'abilità di esprimere empatia. Non ogni momento è un buon momento».

Qui il CEO di Facebook ha ragione. Premere Mi piace sotto al post che annuncia la morte del gattino preferito di un utente può non suonare particolarmente appropriato, anche se ormai ci abbiamo fatto l'abitudine e a non considerare la cosa come un apprezzamento all'avvenimento in sé, quanto un modo per esprimere vicinanza.

Così forse gli utenti non avranno mai un pulsante Non mi piace ma più alternative per esprimere con facilità ciò che sentono: «Abbiamo un'idea che presto saremo pronti per mettere alla prova, e a secondo di come andranno i test la distribuiremo in modo più ampio» ha affermato Zuckerberg.

Ci sono insomma delle novità nell'aria, anche se probabilmente non sarà esattamente ciò che gli utenti si aspettano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, pulsante "Non mi piace" in arrivo

Commenti all'articolo (1)

Forse sarebbe sufficiente, per il pulsante "Non mi piace" obbligare l'utente a dare le motivazioni della sua valutazione negativa che poi viene pubblicata assieme al giudizio, se tale valutazione non viene rilasciata il "non mi piace" non viene registrato... Ah no sarebbe comunque non politicamente corretto e... Leggi tutto
19-9-2015 14:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3472 voti)
Febbraio 2019
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Tutti gli Arretrati


web metrics