Comandi vocali guidando l'auto? 27 secondi di sicurezza in meno

Gli assistenti come Siri e Cortana danno l'illusione della sicurezza ma in realtà aumentano il pericolo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-10-2015]

Phase III Photo 4

Tutti sanno che quando si guida è bene ridurre le distrazioni al minimo: guai a inviare messaggi, e anche usare le più recenti tecnologie a comando vocale è tutt'altro che raccomandato.

Ora due studi condotto dall'Università dello Utah in collaborazione con la American Automobile Association ha scoperto esattamente quanto sia pericoloso affidarsi a Siri, Cortana, Google Now e compagni, compresi tutti i vari sistemi di infotainment che sempre più spesso si trovano installati sulle automobili, almeno a partire da un certo livello.

«La semplice presenza di questi sistemi nell'auto non è un buon motivo per usarli mentre si guida» sostiene David Strayer, professore di psicologia presso l'Università dello Utah. «Distraggono molto, fanno un sacco di errori e provocano frustrazione in chi li usa. Fin troppe persone muiono sulla strada per colpa della distrazione, e mettere nelle mani dei guidatore un'ulteriore fonte di distrazione non è una buona idea».

Le ricerche hanno infatti mostrato che un guidatore, viaggiando a 40 km/h, dopo aver impartito un comando vocale (effettuare una chiamata, scegliere una canzone) resta distratto per altri 27 secondi dopo che il comando è stato portato a termine se usa un sistema molto distraente, e fino a 15 secondi se usa un sistema che causa una distrazione moderata.

Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
Sì, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
Sì, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente è attento: non c'è motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. Sì, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2440 voti)
Leggi i commenti (15)

Mettendo alla prova i vari assistenti personali, i ricercatori hanno scoperto che tutti gli assistenti vocali causano una «distrazione elevata», con Google Now che si comporta un po' meglio di Siri, che a sua volta si comporta un po' meglio di Cortana. Dei 10 sistemi di infotainment trovati su modelli del 2015, tre sono stati catalogati come cause di una «distrazione moderata», sei come cause di una «distrazione elevata» e uno, quello presente sulla Mazda 6, come causa di una «distrazione molto elevata».

«Molte persone pensano "Riaggancio e sono pronto a partire» commenta il professor Strayer. «Ma non è vero. Abbiamo scoperto che ci vuole un tempo sorprendentemente lungo per recuperare l'attenzione completa. Persino mandare un breve messaggio di testo può portare a quasi 30 secondi di attenzione ridotta».

Phase III Rankings Chart

L'imperfezione del riconoscimento vocale non fa altro che complicare la questione: molti trovano frustrante usare i sistemi di infotainment e gli assistenti personali in auto perché i comandi non vengono compresi subito o vengono interpretati in maniera errata. La complessità e la possibilità di errore presente in questi sistemi non fanno altro che aumentare i problemi e la probabilità di causare incidenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{utente anonimo}
scusate ma allora ascoltare la radio o spizzicare un boccone? lo facciamo continuamente e guidiamo beniss..... SBAM!
10-12-2015 16:08

:lol: :lol: :lol: Quoto! Leggi tutto
6-11-2015 18:51

Mi sono sempre domandato perché diavolo si dovesse parlare a un accrocco elettronico, o sfiorare un touchscreen che richiede di essere guardato per poter essere utilizzato, a differenza dei tasti fisici, mille volte più efficaci e diretti e individuabili al tatto, e questo articolo mi conforta nei miei dubbi. :roll: Il riconoscimento... Leggi tutto
6-11-2015 18:02

Sono pienamente d'accordo, uso assai raramente il riconoscimento vocale per effettuare telefonate in auto ma quelle poche volte raramente il sistema ci azzecca anche se chiamo sempre gli stessi 2/3 nomi. Siamo ancora molto lontani dal poter utilizzare questi sistemi con un minimo grado di sicurezza. Leggi tutto
31-10-2015 14:59

Secondo me è decisamente peggio avere la suocera in auto, altroché!
26-10-2015 11:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1870 voti)
Febbraio 2023
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 febbraio


web metrics