Dai fondatori di Skype il robottino per le consegne automatiche

Porta la spesa a casa e costa meno del servizio tradizionale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-11-2015]

starship01

Mentre Amazon si balocca con i droni, Ahti Heinla e Janus Friis stanno lavorando alla costruzione di robot in grado di guidarsi da soli e capaci di consegnare la spesa (fino a un massimo di 9 kg).

Heinla e Friis sono i due creatori di Skype, il popolare software per telefonare in VoIP che oggi è proprietà di Microsoft. Da qualche tempo hanno iniziato a lavorare sul progetto Starship, ossia per l'appunto il robottino delle consegne, con il quale contano di «rivoluzionare il mondo delle consegne locali».

Ogni Starship si muove a circa 6,5 km/h e non è pensato per completare il processo di consegna dei generi acquistati dal negozio all'abitazione del cliente; invece il suo scopo è «percorrere gli ultimi chilometri» dopo essere stato portato in zona con mezzi tradizionali, come per esempio con un furgone.

Possiamo quindi immaginare uno scenario futuro in cui il camioncino del negozio si parcheggia in posizione comoda e poi lascia uscire una flottiglia di Starship, i quali portano a termine le consegne e poi tornano alla base.

Sondaggio
Vuoi effettuare un acquisto online. Il sistema di pagamento richiede l'inserimento dei dati della carta di credito. Quali precauzioni prendi affinché sia una transazione sicura?
Nessuna precauzione. I siti Internet delle grandi compagnie sono ben protetti
Inserisco tutti i dati della carta utilizzando la tastiera virtuale
Digito e poi cancello i dati della carta più volte così il virus si confonde
Aumento il livello di protezione dell'antivirus
Utilizzo la modalità di navigazione in incognito del browser
Uso un proxy anonimo
Controllo di aver digitato il sito Internet correttamente e se si tratta del sito giusto

Mostra i risultati (1413 voti)
Leggi i commenti (16)

Secondo gli ideatori il robottino è in grado di abbattere anche del 15% le spese per la consegna; inoltre il suo percorso può essere seguito dallo smartphone e, all'occorrenza, lo si può teleguidare assumendone direttamente il controllo per aiutarlo ad aggirare ostacoli che da solo non riuscirebbe a superare.

Heinla e Friis hanno intenzione di iniziare i primi test all'inizio del prossimo anno a Greenwich (Londra).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Amazon Flex, l'Uber dei pacchi
Amazon Italia inaugura il negozio di alimentari
DHL dà il via alle consegne coi droni
Amazon e la consegna merci coi droni
Canada, addio alla consegna della posta tradizionale
Anche Google pensa ai droni per consegne veloci

Commenti all'articolo (3)

Forse ha più probabilità dei droni di funzionare ma mica tante... e penso ci vorrà ancora un bel po di tempo.... Leggi tutto
8-11-2015 11:25

Quando saro' vecchio ci faro' un pensierino :old:
4-11-2015 02:01

Evvai! Altri posti di lavoro buttati al cesso!
3-11-2015 13:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3892 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics