I dati di Megaupload potrebbero tornare

A quasi quattro anni dal raid, un giudice valuta la restituzione dei dati agli utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-11-2015]

megaupload ritorno dati

Sono trascorsi ormai quasi quattro anni dal raid che ha posto fine alla storia di Megaupload e ha portato al sequestro dei server da esso utilizzati, oltre 1.000 dei quali si trovano tuttora sotto sequestro in Virginia, affidati all'hosting provider che ha acquisito l'azienda che li gestiva nel 2012, Carpathia.

Con il processo ancora in corso, quei server sono ritenuti prove importanti: non della colpevolezza di Kim Dotcom e soci, ma della loro innocenza, stando a quanto affermano gli avvocati difensori. Per questo motivo la difesa s'è opposta alla richiesta del provider di poter cancellare e riutilizzare i server, il cui mantenimento senza poterli utilizzare rappresenta una voce di spesa non indifferente.

Se dal canto proprio il governo americano afferma di non aver problemi ad autorizzare la cancellazione, poiché sostiene di aver già copiato tutte le prove necessarie, la difesa - come accennavamo - è contraria: per dirimere la questione la palla è passata a un giudice, il quale ha iniziato a sentire il parere di tutte le parti in causa.

Innanzitutto, il giudice ha chiesto al provider se sia possibile recuperare i dati presenti nei server, tenendo presente che il tempo passato e le condizioni in cui sono stati conservati i server possono aver influito negativamente sull'integrità dei drive. Inoltre, il giudice vuol sapere quanto Megaupload sia disposto a pagare per i server e se sia pronto ad accollarsi il compito di proteggere i dati sensibili eventualmente ancora presenti in essi.

Megaupload ha inizialmente risposto che è pronto a ricomprare i server per 1 milioni di dollari, mentre di recente gli avvocati di Kim Dotcom hanno affermato che dovrebbe essere il governo americano ad accollarsi tutti i costi.

Sondaggio
Il file di cui hai bisogno si trova su di un sito di file-sharing. Quando clicchi per scaricarlo, hai l'opzione di effettuare il download a velocità normale o di provare gratis il download ad alta velocità. Quale opzione scegli?
Utilizzo l'opzione velocità normale
Perché aspettare? Vado per l'opzione ad alta velocità
Scarico il file da un'altra fonte
Non uso questo genere di siti Internet

Mostra i risultati (1723 voti)
Leggi i commenti (4)

Il giudice ha inoltre domandato alla MPAA quale sarebbe la sua posizione qualora i server venissero riconsegnati a Megaupload per quanto riguarda il materiale illegale lì presente, e ha richiesto una stima dei costi che si dovrebbero sostenere per restituire i dati agli utenti.

Tutto ciò prospetta quindi la possibilità che prossimamente gli utenti di Megaupload possano tornare in possesso dei propri dati: una buona notizia anche per Kim Dotcom e gli altri accusati, convinti di trovare là dentro le prove della loro innocenza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Megaupload, i dati sono ancora lì (per ora)
Megaupload, dati nuovamente in pericolo
MegaUpload, i dati resteranno online altre due settimane
Tutti i dati di Megaupload verranno distrutti
FBI chiude MegaUpload, Anonymous contrattacca

Commenti all'articolo (1)

Francamente, leggendo bene l'articolo e fra le righe delle varie possibilità, non mi sembra ancora così scontato che i server tornino in mano a Megaupload e i dati in mano ai rispettivi proprietari e dico proprietari a ragion veduta perché gli utenti di Megaupload sono i proprietari dei dati contenuti nei server...
18-11-2015 19:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi è il più grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. È stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. È diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (1909 voti)
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Pirateria, la soluzione è sospendere Telegram
Tutti gli Arretrati


web metrics