Da AVG il router Wi-Fi che supporta TOR e VPN, ma col trucco

Pensato per proteggere la privacy degli utenti, ha però una policy che sembra fare l'esatto contrario.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-11-2015]

avg chime

Da sempre il nome di AVG è legato al popolare software antivirus ma ora, grazie alla piattaforma di crowdfunding Indiegogo, l'azienda ceca ha lanciato un progetto per la costruzione di un router che supporta anche TOR e VPN.

Il router si chiama Chime e promette di poter risolvere tutti i problemi delle tradizionali connessioni Wi-Fi, come la presenza di zone "morte" all'interno delle abitazioni, ossia quelle zone in cui il segnale non arriva o non è sufficiente.

Utilizzando lo standard 802.11ac, Chime rafforza il segnale usando i sistemi mesh che si trovano impiegati per esempio nella realizzazione delle reti Wi-Fi di uffici, aziende o aeroporti.

Inoltre, come dicevamo all'inizio e come ama ripetere AVG, Chime «è equipaggiato con VPN e TOR»: in pratica ciò significa che il router permette di connettersi con facilità ai server che offrono servizio di rete privata virtuale messi in campo da AVG oppure con la vasta rete TOR, al fine di garantire l'anonimato delle connessioni.

Con ancora diversi giorni per completare la raccolta fondi, Chime ha raccolto poco meno di 40.000 dollari sui 650.000 dollari fissati come obiettivo. A causa di alcune perplessità, però, molti potrebbero decidere di non partecipare al progetto.

Sondaggio
In che modo salvi informazioni importanti affinché nessuno le possa vedere sul tuo computer?
Salvo tutti i dati più importanti in una cartella protetta da password
Nessuno accede al mio computer
Il mio dispositivo è protetto da una password
I dati più importanti sono protetti da crittografia
Proteggo i miei dati quando presto il computer a un'altra persona
Elimino tutti i dati che non voglio che nessuno veda
Non ho dati importanti da proteggere

Mostra i risultati (1499 voti)
Leggi i commenti (7)

Tali perplessità riguardano la versione gratuita di AVG Antivirus che è inclusa in Chime e l'ultimo aggiornamento della policy sulla privacy che riguarda proprio questo software.

In questo aggiornamento, che porta la data dello scorso mese di settembre, AVG s'è concessa il permesso di raccogliere dati sulla cronologia della navigazione degli utenti e di rivendere tali dati a terze parti. AVG ha specificato che tali informazioni, definite «non personali», non permettono di identificare i singoli utenti e che qualora l'azienda dovesse rendersi conto che in qualche modo dalla cronologia di navigazione si può risalire all'utente quei dati verranno anonimizzati.

Ciò pone l'ovvia questione: che succede se l'azienda non si accorge della possibilità di risalire all'utente, e pertanto non rende anonimi i dati? Si tratta di un dettaglio importante che ha già portato alcuni utenti di AVG attenti alla privacy a riconsiderare l'uso dell'antivirus, ed è chiaro che una tale politica confusa non facilita la nascita di un router con velleità di protezione della privacy.

AVG è al corrente della contraddizione e ha fatto sapere che presto rilascerà una policy aggiornata dedicata specificamente a Chime.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

{Citron}
E' da sempre che non uso antivirus in maniera continuativa. Qualche volta uso Malwarebytes per fare una scansione, e usualmente non trovo nulla. Come sempre più spesso accade, la stampa amplifica a dismisura le cose, facendo avere una falsa percezione del rischio alle persone. Questo riguarda anche i reati, per inciso. Mi... Leggi tutto
21-11-2015 22:17

{umby}
Anch'io usavo da diversi anni avg come antivirus. Da quando ho saputo il cambio di rotta, e l'ordine imperatorio di aggiornare il software (tramite pop-up dello stesso antivirus), sono passato ad avast. Nemmeno la policy di avira mi aveva entusiasmato.
21-11-2015 15:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'espressione più ricorrente nella tua azienda, tra queste?
Ampia gamma
Capacità comunicative
Creativo
Dinamico
Efficace
Esperienza collaudata
Innovativo
Manageriale
Motivato
Multinazionale
Problem solving
Specializzato
Vasta esperienza

Mostra i risultati (1680 voti)
Ottobre 2019
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
Tutti gli Arretrati


web metrics