L'amico di Renzi alla sicurezza informatica

Il punto non è tanto la nomina di Marco Carrai, quanto l'esistenza stessa dell'ennesima agenzia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-02-2016]

renzi carrai

Non s'è ancora spenta la polemica circa l'ipotizzata nomina di Marco Carrai, l'imprenditore molto amico di Matteo Renzi, a capo dell'Agenzia per la Sicurezza informatica prevista dalle nuove disposizioni antiterrorismo e che sarebbe alle dirette dipendenze di Palazzo Chigi.

Marco Carrai ha attualmente un'impresa che si occupa di sicurezza informatica, situazione che lo renderebbe idoneo all'incarico ma anche in possibile conflitto di interessi.

Carrai ha poi amicizie personali ad altissimo livello nel settore delle telco, fra cui i vertici di Telecom Italia: lo dimostra la presenza al suo matrimonio del presidente di Telecom Mario Recchi, il quale partecipò insieme a molti manager di grandi imprese pubbliche e private.

D'altra parte, come disse il ministro alle Riforme Maria Emilia Boschi, «Il cittadino Carrai ha diritto a invitare chi vuole al suo matrimonio».

Ovviamente ad attirare le maggiori critiche è però l'amicizia con il presidente del Consiglio che, quand'era sindaco di Firenze, l'aveva anche ospitato a casa propria.

Le prime voci circa una possibile nomina di Marco Carrai a capo dell'Agenzia si sono diffuse poco dopo la metà di gennaio, quando la nomina stessa sembrava imminente. A oggi, pare che il tutto sia stato "congelato" in attesa di una soluzione che salvi capra e cavoli, ossia garantisca a Carrai la posizione senza causare problemi a Renzi.

Il vero problema però non è Carrai in sé o l'opportunità di una sua nomina al vertice di un'Agenzia il cui operato sarà importante anche per i risvolti sul monitoraggio del web italiano: la questione fondamentale invece è l'esistenza stessa di una tale Agenzia.

Sondaggio
Quanti dispositivi sono connessi al tuo Wi-Fi domestico?
Nessuno.
Da 1 a 2
Da 3 a 5
Da 6 a 10
Oltre 10

Mostra i risultati (2973 voti)
Leggi i commenti (12)

Ora è noto che il governo Renzi si è vantato, giustamente, di aver ridotto il numero dei ministeri e che ha annunciato di voler ridurre in modo drastico tante società controllate dalla Stato e dagli enti locali, fonti di sprechi e comunque di costi eccessivi.

Viene quindi da chiedersi: perché un altro ente? La sicurezza informatica non dovrebbe essere già garantita da servizi segreti, Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Esercito, Marina, Aeronautica, DIA, Interpol, tutte forze con propri uffici interni, con personale addestrato, con speciali mezzi e tante risorse?

Forse tutte queste realtà hanno bisogno di coordinamento? Certamente. Ma non ci sono già il Governo, Il Ministero degli Interni, il Comitato per l'Ordine Pubblico e la Direzione Generale di Pubblica Sicurezza?

Il governo Renzi non sembra sfuggire alle logiche della Seconda Repubblica, della Prima, e risalendo ancora della monarchia e del fascismo. C'è un problema? Ci vuole un ente, che sarà presieduto da qualcuno che avrà bisogno di consulenti, segretarie e fattorini; che farà assunzioni, che avrà sedi, auto, aerei; che produrrà norme, leggine, decreti, passaggi inutili e defatiganti.

Il tutto con il sospetto che si fondi un ente perché esso serva ma perché bisogna sistemare qualcuno, chiunque esso sia, oggi o domani, sotto qualunque governo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Il grafico in tempo reale degli attacchi informatici
Attacco informatico firmato ISIS oscura TV francese

Commenti all'articolo (4)

Un altro cadreghino per sistemare un amico ed amico degli amici che hanno portato al potere questo ennesimo leccaculo di lobby e potentati vari con il beneplacito del solito popolo bue. In Italia vige sempre la regola del gattopardo... :incupito:
6-2-2016 15:05

I tempi cambiano e le esigenze con loro. La creazione di una nuova agenzia in questo caso potrebbe essere una buona idea, purtroppo sappiamo della tendenza tutta italiana a costruire scatole dove piazzare amici e parenti.
5-2-2016 09:47

ma come chi ha nominato renzi? non ce ne ricordiamo più? e' stata la Merkel a "suggerirlo" a Napolitano Dopo Monti ha messo su il povero Letta, quindi -dato che non ce la faceva perchè tutto sommato e' una persona onesta- la premiata ditta Mer.Nap ha messo su Renzi. Il quale -ricordiamolo- dopo aver ricevuto la Mer. ha fatto... Leggi tutto
3-2-2016 06:54

{woodpecker}
"il ministro alle Riforme Maria Emilia Boschi". Io direi il ministro dell'ipocrisia, un ministro molto popolare in italia. Quanto a Renzi bisognerebbe scoprire chi sono i burattinai dietro di lui, perché il passaggio ultrarapido da sindaco a primo ministro non può essere avvenuto senza un'orchestrazione... Leggi tutto
2-2-2016 14:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
Sì, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
Sì, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente è attento: non c'è motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. Sì, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2287 voti)
Giugno 2021
Sottratti e messi in vendita i dati di vaccinazione Covid di 7,4 milioni di italiani?
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Arriva Android 12, più veloce, più personalizzabile e più attento alla privacy
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 14 giugno


web metrics