Il ransomware per OS X arriva con Transmission

Nella versione ufficiale del celebre software era contenuto il trojan che cifra l'hard disk degli utenti Mac.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-03-2016]

ransomware mac

Finora il dorato mondo dei Mac sembrava essere stato risparmiato dall'epidemia di ransomware che di questi tempi imperversa invece tra gli utenti di Windows.

Il primo malware di questo tipo (se si eccettua la minaccia costituita per un certo periodo nel 2014 da FileCoder) è infatti stato avvistato dai ricercatori di Palo Alto Networks, che l'hanno battezzato KeRanger.

Per assicurare a KeRanger la massima diffusione, i suoi autori hanno violato i server di Transmission, il popolare client BitTorrent open source, e hanno infettato il programma di installazione della versione 2.90, uscita pochi giorni fa.

Chiunque l'abbia scaricata e installata rischia di vedersi all'improvviso chiuso fuori dal proprio Mac: il ransomware non agisce infatti immediatamente, ma entro tre giorni dall'installazione.

L'effetto dell'infezione è il solito: il contenuto del disco viene cifrato e un messaggio chiede di versare 1 Bitcoin (attualmente scambiato a circa 370 euro) per ottenere la password in grado di sbloccare il computer.

Per sapere se si è stati infettati non è necessario attendere l'inevitabile: se il Monitoraggio attività mostra la presenza del processo kernel_service che usa il file /Users//Library/kernel_service vuol dire che KeRanger è lì in attesa di colpire.

In attesa di uno strumento che consenta la rimozione sicura del malware, la cosa più sicura è riportare il Mac a uno stato precedente l'installazione di Transmission, ripristinando il sistema da un backup.

Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia più complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (2845 voti)
Leggi i commenti (12)

Se non si ha a disposizione un backup si può procedere uccidendo il processo Kernel_service e cancellare i file .kernel_pid, .kernel_time, .kernerl_complete o kernel_service nella directory /Users//Library.

Per aiutare gli utenti a proteggersi, Apple ha revocato il certificato a Transmission 2.90 e aggiornato le firme XProtect: così, se qualcuno avesse scaricato la versione infetta di Transmission ma non l'avesse ancora installata, all'apertura verrebbe accolto da un messaggio che invita a cestinare il file.

Gli autori di Transmission hanno nel frattempo rilasciato la versione 2.92 che non è infetta, che se installata mentre è ancora presente la versione 2.90 si occupa anche di rimuovere correttamente il ransomware.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Spaventati per il malware che ricatta gli utenti Mac?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mac infettati da malware per colpa di Transmission
Mi conviene pagare gli autori di Cryptolocker?
Ospedale USA paga 17.000 dollari di riscatto
Il ransomware che cifra l'hard disk si diffonde nei documenti Word
Cryptolocker, posso rimediare io? Mi serve davvero un tecnico?
Aiuto, un virus ha preso in ostaggio i miei dati e vuole soldi per ridarmeli
Epidemia di estorsioni via computer

Commenti all'articolo (1)

{Fabio}
Cacchio ! sul mio Mac avevo proprio la versione 2.90 ! ma apparentemente senza problemi .. per sicurezza l'ho upgradata alla 2.92, inoltre ho letto che "Niente panico: la risposta immunitaria dell’ecosistema è stata veloce. Da Cupertino Apple ha aggiornato dopo poche ore XProtect, la componente del sistema operativo che blocca... Leggi tutto
9-3-2016 08:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (746 voti)
Maggio 2021
WhatsApp cambia le regole, ma niente panico
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 maggio


web metrics