Il declino dell'E3

EA, Activision Blizzard e altri sviluppatori importanti diserteranno l'evento dedicato ai videogiochi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-03-2016]

e3 deserto

L'E3 è probabilmente la più grande fiera del settore videogiochi riservata agli addetti ai lavori (il semplice pubblico non è ammesso), per la quale ogni anno le aziende si preparano con somma cura per fare un'ottima impressione.

Così per lo meno era percepito finora l'Electronic Entertainment Expo (E3, per l'appunto) di Los Angeles, ma a quanto pare le cose stanno cambiando.

Dopo le defezioni di Activision Blizzard ed Electronic Arts, ora anche Disney Interactive e Wargaming hanno fatto sapere che non parteciperanno all'evento.

Si tratta di assenze importanti. Certo, grandi nomi come Microsoft, Sony e Nintendo hanno già confermato la propria presenza, ma la mancanza di quegli sviluppatori è sintomo di un mutamento più vasto.

Un tempo, l'E3 era l'occasione per far conoscere i propri prodotti non solo agli altri attori dell'industria videoludica ma anche ai rappresentanti delle maggiori riviste del settore: in questo modo si poteva in buona sostanza imprimere l'andamento voluto al mercato del settore.

Oggigiorno le cose sono un po' diverse. I produttori di videogiochi si sono accorti che è molto più semplice e conveniente mettere una demo dei proprio prodotti futuri in mano ai gestori dei più popolari canali YouTube e ai volti più noti dello streaming per ottenere tutta l'attenzione necessaria.

L'E3, inoltre, non permette nemmeno il contatto col pubblico, e ciò per una precisa scelta degli organizzatori i quali non sono convinti che l'ammissione di gente non addetta ai lavori sia un valore aggiunto per l'evento. Così, le aziende che puntano a incontrare i propri fan iniziano a preferire occasioni come le PAX.

Sondaggio
Telecom Italia ha scelto il marchio TIM per tutta la sua offerta commerciale di telefonia fissa, mobile e Internet, cambiando il logo. Cosa pensi del nuovo logo? Scegli un'opzione tra le seguenti e commenta nel forum.
Mi piace.
Non mi piace.
Preferivo il precedente.
Non mi interessa.
Sempre di più si dà troppa importanza all'immagine e poca alla sostanza.

Mostra i risultati (2159 voti)
Leggi i commenti (9)

Non è detto che le cose restino così per sempre e alla fine anche l'E3 potrebbe cambiare pelle, ma probabilmente dovrà scendere più in basso di così prima che ciò avvenga.

Nonostante le defezioni, infatti, l'andamento degli ultimi anni non è stato negativo: l'anno scorso ci sono state 52.000 presenze, e anche se quest'anno dovesse esserci un certo calo non si toccherebbe ancora il fondo.

Il punto più basso è stato raggiunto nel 2008, quando le presenze furono appena 5.000.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{Ivan}
Aziende che non hanno bisogno della manifestazione. Quindi ben venga la loro assenza. Anzi, magari ci sarà più spazio per gli sviluppatori "indipendenti".
15-3-2016 07:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali di questi dati ti spiacerebbe perdere di più?
Dati finanziari e di pagamento
Documenti relativi al lavoro
Email personali
Email di lavoro
Messaggi personali (SMS, Whatsapp ecc.)
Foto dei miei bambini
Foto dei viaggi
Foto private o particolari o sensibili di me stesso
Foto private o particolari o sensibili del mio partner
Altre foto (non sensibili)
Note e documenti personali
Password
Rubrica degli indirizzi o dei contatti telefonici
Scansioni di passaporti, patenti, assicurazioni e altri documenti personali

Mostra i risultati (1654 voti)
Ottobre 2022
DALL-E diventa libero e gratuito: immagini sintetiche per tutti
Settembre 2022
Google ti avvisa se i tuoi dati finiscono nel web
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 ottobre


web metrics