Hack di LinkedIn, 117 milioni di email e password in vendita

La maggioranza delle password è già stata decrittata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-05-2016]

linkedin 117 milioni account

Gli oltre sei milioni di account LinkedIn resi pubblici nel 2012 erano soltanto la punta dell'iceberg: in realtà, l'attacco di quattro anni fa aveva fruttato un bottino ben più ricco.

In totale, allora i pirati informatici erano riusciti a sottrarre i dati di 167 milioni di account. Oggi le informazioni di 117 milioni di essi sono state messe in vendita nel dark web.

A vendere i dati è un hacker che si fa chiamare Peace e che ha confermato la provenienza dei dati: risalgono proprio alla violazione del 2012. Per l'intero pacchetto, che comprende indirizzi email e hash delle password, chiede 5 Bitcoin (ossia poco meno di 2.000 euro al cambio attuale).

Stando a LeakedSource, buona parte delle password sono già state decifrate.

Il problema è che LinkedIn a quel tempo generava gli hash con l'algoritmo SHA1 senza sale: in altre parole, proteggeva le password dei propri utenti in maniera piuttosto debole come prova il fatto che, secondo le affermazioni di LeakedSource, il 90% delle password è stato violato in appena 72 ore.

Per verificare se ci si trova tra gli utenti colpiti si può utilizzare il prezioso servizio Have I Been Pwned?: basta inserire un nome utente o un indirizzo email e il sito segnala se l'account relativo sia mai stato compromesso.

In ogni caso, cambiare la propria password di LinkedIn (soprattutto se non lo si è fatto nel 2012) e non utilizzare due volte la medesima password è a questo punto una buona mossa per proteggersi.

Sondaggio
Stai creando un nuovo account su un sito. Come sarà la tua password?
Ho una sola password per tutti i miei account
Ho varie password che uso a rotazione quando devo creare un nuovo account
Ho un template per le password che modifico per ogni account
Creo una nuova password, assicurandomi che sia robusta

Mostra i risultati (1534 voti)
Leggi i commenti (12)

Dato che molti tendono a riutilizzare la stessa password su più siti e a non cambiarla praticamente mai, i dati rubati a LinkedIn sono probabilmente ancora validi in buona parte, anche se dal furto è passato diverso tempo: quindi possiamo immaginare che Peace riuscirà senza troppa fatica a trovare qualche compratore.

LinkedIn, dal canto proprio, ha confermato che i 6,5 milioni di password resi pubblici quattro anni fa non erano che una parte del bottino, e che in realtà l'azienda non sa esattamente quanti dati siano stati sottratti.

In queste ore sta contattando i 117 milioni di utenti interessati dalla "vendita" di credenziali per evitare che qualcuno possa fare danni sfruttando i dati sottratti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Yahoo, violati 200 milioni di account
Dropbox ti obbliga a cambiare la password
Un giro sul dark web
Lo spione spiato: Hacking Team si fa fregare 400 giga di dati
LinkedIn, il bug SSL non è stato ancora corretto
LinkedIn, compromessi 5 account su 100

Commenti all'articolo (2)

Mi sembra piuttosto a buon mercato... Leggi tutto
25-5-2016 19:18

{giovdi}
Su "Have I Been Pwned?" mancano, però, i dati di questo attacco. In riferimento a Linkedin, al momento, scrivono "The data is not included in this site as the breach only exposed passwords and no account holder information."
20-5-2016 11:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (2886 voti)
Settembre 2020
L'update di Windows 10 di ottobre si installa in pochi minuti
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Tutti gli Arretrati


web metrics