La Google Car impara a suonare il clacson

L'auto automatica adesso frena, accelera e suona il clacson come un conducente navigato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2016]

Google self driving car

L'ultimo progresso fatto dall'auto autonoma di Google, come segnalato nel May 2016 Self-Driving Car report, è la capacità di suonare il clacson.

Può non sembrare granché, ma insegnare a un'auto quando usare il clacson per segnalare un potenziale pericolo e quando farne a meno per evitare di generare confusione negli altri utenti della strada non è una questione semplice.

Durante i test, le Google Car sono state dotate di clacson solamente interni proprio per evitare malintesi: mentre imparavano a suonare quando incontravano un veicolo che usciva in retromarcia da un vialetto o quando un'altra auto tagliava loro la strada era necessario evitare i "falsi allarmi".

A mano a mano che gli algoritmi venivano perfezionati, però, Google ha iniziato a dotare le auto anche di clacson esterni. «Abbiamo persino insegnato ai nostri veicoli a usare diversi tipi di suono a seconda della situazione. Se un altro veicolo fa lentamente retromarcia nella nostra direzione, possiamo usare due suoni brevi e a volume contenuto come segnale amichevole, per segnalare al guidatore che siamo dietro di lui. Invece, se c'è una situazione più urgente, usiamo un suono più forte. Il nostro obiettivo è insegnare alle nostre auto a suonare come un guidatore paziente e navigato».

Google sta investendo parecchio sul lato "sonoro" dei propri veicoli. Per esempio, sta anche lavorando sull'aggiunta di un rumore artificiale per segnalare a ciclisti, pedoni e persone con problemi di vista che c'è un veicolo in avvicinamento.

Sondaggio
Quanto sei disposto a pagare per l'acquisto di prodotti per la ''casa intelligente'' nei prossimi 12 mesi?
Fino a 150 euro
Fino a 250 euro
Fino a 500 euro
Fino a 1000 euro
Oltre 1000 euro
Non sono sicuro

Mostra i risultati (907 voti)
Leggi i commenti (7)

Il motore elettrico, infatti, è molto silenzioso; persino troppo. Così Google sta elaborando un «mormorio familiare» che, appena udito, venga immediatamente associato all'arrivo di un'auto.

«Il nostro prototipo» - spiega il gigante di Mountain View - «riproduce i suoni tipici delle auto tradizionali, aumentando il tono quando accelera e facendolo calare quando decelera».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google Car, incidente per eccesso di prudenza
La bici che ha mandato in crisi l'auto di Google
Google e i veicoli autonomi: 11 incidenti in sei anni
L'auto di Google senza pilota non funziona quando piove

Commenti all'articolo (2)

Per evitarlo sarebbe sufficiente che non ci fossero cartelli stradali con indicazioni e limiti di velocità insulsi e non pertinenti alle condizioni della viabilità e del traffico. In ogni caso, se sulle strade circolassero solo vetture a guida autonoma anche la cartellonistica andrebbe modificata ed a adattata a questa tipologia di... Leggi tutto
19-6-2016 11:25

{Totip}
Deve essere osceno stare a bordo come passeggero su un'auto che segue pedissequamente gli insulsi cartelli stradali con continue variazioni di velocità, compresi i cartelli da 20 km/h (per non dire di quelli da 5 km/h). Vedo anche le code di automobili e camion con guidatori inferociti, generate dal rispetto di tali limiti.... Leggi tutto
12-6-2016 20:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1803 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 dicembre


web metrics