Dilemma del tram: Mercedes-Benz salva il conducente

Se un'auto autonoma deve scegliere chi uccidere e chi salvare, per Mercedes salverà il conducente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-10-2016]

esedan 04
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Il dilemma del tram (trolley problem) è un esperimento mentale molto semplice: un tram corre sul proprio binario. Il conducente del tram non può vedere che sul binario ci sono cinque operai: quando li vedrà non ci sarà tempo di frenare e quando loro vedranno il tram che incombe sarà troppo tardi per scansarsi.

Per fortuna ci siete voi, accanto alla leva che aziona uno scambio lungo il percorso del tram. Potreste quindi deviare la corsa del veicolo e salvare i cinque operai; ma sul binario alternativo c'è un altro operaio, che non si aspetta che gli piombi addosso un tram e non avrà tempo di accorgersene. Cosa fate?

Se non fate niente, moriranno cinque persone. Se azionate lo scambio, ne morirà una sola, ma sarà stato il vostro intervento diretto a scegliere di farla morire.

Questo dilemma è tornato di moda di recente con l'inizio della sperimentazione delle automobili a guida autonoma, dove il conducente si lascia trasportare dal computer di bordo e non è più responsabile delle azioni dell'auto, come un passeggero su un treno. Cosa deve fare il computer di bordo se si trova nella situazione di dover decidere, per esempio, se restare in strada e investire un gruppo di bambini che stanno attraversando su una curva cieca oppure uscire volontariamente di strada e uccidere i propri passeggeri?

Il guaio di questo dilemma (incubo di tanti automobilisti) è che non esiste una risposta accettabile. Chi vende automobili, di fronte a questo dilemma, deve decidere se dire al cliente che la sua auto sceglierà di ucciderlo o se dirgli che l'auto ucciderà freddamente chiunque incontri sul proprio percorso. Nessuno comprerà un'auto programmata per ammazzarlo. Per cui venditori e fabbricanti finora hanno cercato in tutti i modi di glissare.

Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1672 voti)
Leggi i commenti (21)

In questo pantano morale ed etico si è invece tuffato di recente Christoph von Hugo, il direttore della Mercedes-Benz per i sistemi di assistenza al conducente e di sicurezza attiva. In un'intervista alla rivista Car and Driver, von Hugo ha dichiarato che le future auto autonome della casa automobilistica saranno programmate per dare sempre la priorità alla sicurezza dei passeggeri. "Se sai che puoi salvare almeno una persona, almeno salva quella. Salva quella nell'auto. Se tutto quello che sai con certezza è che puoi evitare una morte, allora quella è la tua priorità."

Ragionamento da brivido, giustificato però da alcune considerazioni: "Potresti sacrificare l'auto, ma non sai cosa succederà poi alle persone che hai salvato inizialmente in situazioni spesso molto complesse", ha aggiunto von Hugo. Se l'auto sterza per evitare dei bambini, potrebbe perdere il controllo e centrare un altro gruppo di pedoni o uno scuolabus che arriva nell'altro senso di marcia. Le conseguenze sono troppo imprevedibili. Ma von Hugo ha chiarito che in realtà la ricerca sulle auto autonome ha l'obiettivo di evitare che si trovino in situazioni indecidibili come quella del dilemma del tram: "il 99% del nostro lavoro tecnico consiste nel prevenire in partenza queste situazioni."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

io, per non farmi male, son disposto a schiacciare anche 50 bambini....e voglio un'auto che ragioni allo stesso modo. in famiglia abbiam sempre avuto mercedes,e sembra che continueremo :-)
16-11-2016 19:02

A parte le minuzie matematiche necessarie, ho semplicemente dimostrato, adducendo dati sperimentali, che per prendere una decisione complessa, come quella di cui si parla, ci vuole almeno mezzo secondo. Quindi secondo me nel tuo episodio hai avuto più di mezzo secondo per capire che evitando il bambino avresti messo a rischio la tua... Leggi tutto
6-11-2016 02:30

Non posso che congratularmi per la tua smisurata passione per la matematica, ma nel mondo reale le cose non funzionano proprio così: se Tizio dice «Oggi non ho investito una vecchietta per un pelo!» non significa che tra l'ultima propaggine anteriore del suo veicolo e il primo lembo di cute dell'anziana in questione intercorressero 80... Leggi tutto
5-11-2016 01:57

Se il tuo commento significa che tu sei uno che per non investire una vecchietta farebbe morire la propria famiglia, be', allora hai proprio ragione e mi unisco a te nel ringraziare il cielo che non siamo fatti con lo stampo, poiché come te ce ne saranno pochissimi, per fortuna. Mi spiace solo per la tua famiglia. Leggi tutto
5-11-2016 00:30

Se sono io a provocare l'incidente non voglio che siano altri a pagare.
23-10-2016 00:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In che modo installi nuove applicazioni sul computer?
Clicco su «Avanti-Avanti-Accetto-avanti...» quasi senza leggere
Leggo attentamente tutti le avvertenze e modifico le impostazioni se necessario
Di solito non installo applicazioni per conto mio

Mostra i risultati (1041 voti)
Giugno 2018
Lo smartphone pieghevole di Samsung con doppio display
Pseudoscienza al potere oggi: Sud Africa, Spagna, Stati Uniti
Windows 10, il 50% degli utenti ha dovuto pagare un tecnico per i problemi dell'aggiornamento
Ubisoft: ''Le console sono destinate a sparire: ancora una generazione e poi basta''
Bug in Facebook rende pubblici i post privati di 14 milioni di utenti
Microsoft affonda i datacenter per tenerli freschi
L'auto volante di Larry Page: si impara a guidare in meno di un'ora
Microsoft compra GitHub e i programmatori scappano
Il primo attacco informatico della storia... nel 1834?
Medico fa causa a paziente per una recensione negativa online
L'attacco sonico che manda in crash il sistema e rovina gli hard disk
Maggio 2018
Semplicità
Pc con Windows 10 bloccati da Avast, ecco come riportarli alla funzionalità
Incidente mortale in Tesla in Svizzera: analisi sul posto
Apple sapeva che gli iPhone 6 tenuti in tasca si sarebbero piegati
Tutti gli Arretrati


web metrics