Gli USA rivendicano il diritto di sequestrare qualsiasi server nel mondo

A opporsi è Microsoft, in veste di paladina della privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-10-2016]

microsoft doj email irlanda

Si trascina ormai da anni il contenzioso che vede contrapporsi da un lato il Dipartimento di Giustizia USA e dall'altro Microsoft.

Oggetto del contendere sono le email conservate sui server nella sede di Dublino di Microsoft, e che il Dipartimento di Giustizia ritiene essenziali per un'indagine su dei narcotrafficanti.

Microsoft ha sempre sostenuto di non poter consegnare quei dati agli investigatori americani, dato che si trovano su suolo straniero: si capisce che la questione riguarda non soltanto la privacy degli utenti, ma anche le relazioni internazionali e il punto fino a cui può spingersi un governo nel perseguire un crimine.

Lo scorso luglio, una commissione composta da tre giudici americani aveva dato ragione a Microsoft: in base alla legge statunitense e in particolare allo Stored Comunications Act, le forze dell'ordine statunitensi possono sequestrare tutti i server che vogliono sul suolo patrio, ma non possono fare nulla se detti server si trovano all'estero.

Dopo questa sentenza, il presidente di Microsoft, Brad Smith, aveva dichiarato con soddisfazione che si trattava di «una grande vittoria per la protezione del diritto alla riservatezza», con la quale diventava chiaro che il governo americano non aveva l'autorità di imporre i propri mandati di perquisizione unilateralmente oltre i confini nazionali.

«Come multinazionale siamo sempre stati convinti» - diceva ancora Smith - «che, se vogliamo che le persone di tutto il mondo si fidino della tecnologia che usano, è necessario che le loro informazioni personali siano protette dalle leggi dei loro Paesi».

Tutto ciò non ha scalfito la determinazione del Dipartimento di Giustizia, che è tornato alla carica chiedendo a una corte federale d'appello di rivedere la sentenza di luglio.

Secondo i procuratori federali, Microsoft non ha il diritto legale di difendere le email dei propri clienti, ma agisce così soltanto spinta dal desiderio di non danneggiare i propri affari.

Sondaggio
Qual è il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1368 voti)
Leggi i commenti (4)

Essi affermano di aver «considerato attentamente» l'affermazione di Microsoft secondo la quale l'azienda si è definita «custode» della riservatezza degli utenti.

«Questo argomento non regge» - sostiene il governo americano - «perché è Microsoft che sceglie dove conservare i dati, e non il cliente (in realtà, gli utenti nemmeno sanno dove siano conservati i dati), e perché sia Microsoft che i giudici hanno riconosciuto che Microsoft consegnerebbe immediatamente al governo ogni email dei propri utenti se scegliesse di conservare quei dati negli Stati Uniti».

«Non può essere vero che l'obiettivo delle disposizioni ufficiali è la riservatezza, ma la protezione della riservatezza si basa unicamente sulle decisioni di un'azienda privata guidata dalla ricerca del profitto, senza che il titolare dell'account abbia possibilità di scelta o venga consultato» aggiungono ancora i procuratori del governo americano.

La decisione di luglio, dando ragione a Microsoft, minerebbe le attività di prevenzione e repressione delle attività criminali, anche a livello di sicurezza nazionale, senza curarsi in realtà della privacy degli utenti.

La corte d'appello ha però già fatto notare che, al di là delle argomentazioni, gli investigatori americani potrebbero comunque ottenere le email conservate in Irlanda appellandosi a un trattato di mutua assistenza giudiziaria e chiedendo l'emissione di un mandato locale alle autorità irlandesi.

Dato che la corte d'appello ha la facoltà di scegliere di non rispondere alla richiesta del governo, la questione potrebbe anche arrivare fino alla Corte Suprema.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'estradizione di Kim Dotcom sarà trasmessa in streaming su YouTube
L'FBI è entrata nell'iPhone del terrorista
Facebook diffida la DEA dall'aprire falsi profili
FBI chiude MegaUpload, Anonymous contrattacca

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Quoto Roberto1960, infatti se all'FBI servissero quei dati li avrebbero già richiesti all'Irlanda con una rogatoria internazionale o con lo strumento analogo previsto dal loro ordinamento. In questo caso vogliono solo stabilire un precedente per poter poi chiedere e fare ciò che vogliono e come vogliono.
22-10-2016 19:42

{ici votre extra}
I legulei sono specialisti di scemenze di stampo sofistico, e sono sicuro che M$, tramite i suoi azzeccagarbugli potrà dimostrare sempre tutto e il contrario di tutto (è proprio questo lo scopo del sofista). Tuttavia chi alla fine decide è chi ha il potere, come sta per scoprire M$, e ormai il rapporto... Leggi tutto
20-10-2016 22:54

Che si Attacchino al Tran! Leggi tutto
20-10-2016 19:44

{Alfio Lago}
Concordo con Alb e aggiungo: E c'è chi agli americani è sempre disposto a leccare il culo, vedi il vile - traditore che abbiamo al governo. Alla redazione: scusate se non sono diplomatico ma... purtroppo è la verità. Grazie.
20-10-2016 19:25

La posizione del governo americano è chiaramente pretestuosa, perché tutti i dati che gli servono possono essere richiesti alle autorità giudiziarie del paese in cui sono depositati, come si fa normalmente da decenni in tutto il mondo, e non solo per i dati informatici. La verità è che l'obiettivo è intimidire le grandi aziende... Leggi tutto
20-10-2016 15:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la più grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si è lì da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa è troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (912 voti)
Aprile 2019
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Facebook, le password di centinaia di milioni di utenti salvate in chiaro: cambiatele
Tutti gli Arretrati


web metrics