Kena Mobile: Tim in versione low cost

Da una costola di Telecom nasce un nuovo operatore mobile economico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-04-2017]

Kena Mobile

Come aveva preannunciato lo stesso amministratore delegato Flavio Cattaneo, Tim dal 1 aprile ha lanciato una propria offerta mobile low cost: si chiama Kena Mobile e opera sulla rete di TIM ma con un proprio marchio separato, attraverso la controllata Noverca.

La SIM può essere ordinata al numero 181 (una delle vecchie numerazioni Telecom Italia) e si riceverà per posta.

In alternativa si può effettuare l'acquisto sul sito Kena Mobile: per l'operazione, comprensiva della consegna a domicilio della SIM, è previsto un costo di 20 euro. In questa somma sono inclusi 5 euro di traffico prepagato.

Sono inoltre previsti punti di vendita fisici a Milano e Roma e presso le più importanti catene di elettronica, in cui opereranno i Kena Point.

Il nuovo operatore mobile virtuale non vende smartphone o tablet né offre servizi a valore aggiunto come musica e TV, che rimangono appannaggio del brand maggiore, cioè TIM. È possibile ovviamente la portabilità da qualunque gestore mobile.

Sondaggio
Gli aspetti peggiori del mercato della telecomunicazione mobile sono:
Tariffe incomprensibili
Concorrenza tra operatori solo di facciata
Cellulari troppo complessi
Mancanza di offerte adatte alle vere necessità
Offerte tecnologiche superflue e costose

Mostra i risultati (3320 voti)
Leggi i commenti (8)

L'offerta tariffaria è molto semplice: vi sono infatti soltanto tre tariffe flat, tutte della durata di 30 giorni.

Kena Voce comprende 1000 minuti al mese verso tutti fissi e mobili al costo di 3,99 euro ogni 30 giorni; Kena Internet comprende 4 Gbyte per la navigazione Internet al costo di 3,99 euro; Kena Digital, infine, comprende 600 minuti di conversazione verso tutti, 100 SMS e 6 Gbyte di navigazione Internet per 9,99 euro.

Da segnalare il fatto che le connessioni a Internet di Kena Mobile non prevedono l'utilizzo delle reti 4G LTE, ma si limitano alla più vecchia tecnologia 3G+, che permette di raggiungere velocità inferiori.

È facile immaginare che tale decisione sia dovuta alla volontà di riservare il più veloce 4G al marchio "premium", ossia TIM.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Furto dati Ho Mobile: il punto di vista giuridico e le ripercussioni sulla privacy

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

Capisco, la "funzione" credo sia di molto successiva, io il cambio l'ho fatto nel 2013 e ne ho usufruito in quell'occasione...
10-4-2017 18:49

Si, nel 2007 e fin'ora non avevo trovato nulla di meglio in base al rapporto costi/modo di utilizzo del telefonino
9-4-2017 21:19

Allora il primo cambio lo hai fatto diversi anni fa?
9-4-2017 19:42

Sono stupito perché non sapevo che fosse stata introdotta questa "funzione"... Per me questo è il secondo cambio di gestore, quando ho fatto il primo l'unico modo per avere il credito residuo era di fare domanda e aspettare (ricordo che c'era anche un costo per l'operazione), e per evitare tutta la trafila burocratica avevo... Leggi tutto
9-4-2017 19:40

@Cesco67 Anche quando passai da Wind a Coopvoce sia con il mio numero che con quello di mia moglie passarono il credito residuo immediatamente sulla nuova SIM, come mai ne sei così stupito?
9-4-2017 10:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1770 voti)
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Tutti gli Arretrati


web metrics