Agcom a Vivendi: 12 mesi per scegliere o Tim o Mediaset

La doppia posizione dominante dei francesi è illegittima: ora Vivendi deve decidere di cosa disfarsi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-04-2017]

Agcom

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) non ha dubbi: la doppia presenza dei francesi di Vivendi è illegittima in base alla legge Gasparri nel capitale di Mediaset, in cui sono i secondi azionisti dopo Berlusconi, e in quello di Tim, dove sono l'azionista di controllo che ha nominato l'attuale amministratore delegato Flavio Cattaneo. La stessa authority ha dato un anno di tempo a Vivendi perché decida di cosa disfarsi, se di Mediaset o di Tim.

In Tim i francesi la fanno già da padrone, anche se il core business di Vivendi non sono le Telco ma la produzione di contenuti multimediali. Mediaset è una grande impresa TV come lo è Vivendi, ma in Mediaset la partita è tuttora aperta: Berlusconi ha fatto causa a Vivendi e ha vinto la prima "mano" legale. Anche dal punto di vista finanziario, con la liquidità derivante dalla vendita del Milan, Berlusconi è pronto ad aumentare e accrescere la sua presa su Mediaset.

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1137 voti)
Leggi i commenti (5)

La scelta di Vivendi potrebbe essere quella di tentare un'Opa su Mediaset; ma per questo dovrebbe mollare Tim... e a chi? Se la cedesse ai francesi di Orange potrebbe però accrescere l'ostilità della politica italiana rispetto alla stessa scalata di Mediaset, un'ostilità che potrebbe tradursi in regole pubblicitarie più severe e tasse di concessione più alte.

Siamo all'inizio di un "Risiko" politico, finanziario e mediatico che terrà in sospeso il Paese prima e dopo le elezioni italiane della primavera 2018.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
La terza vita di Bernabè in Tim, riabilitato da Vivendi
Domande sull'italianità di Tim e Mediaset
Il governo si prepara a entrare in Telecom Italia
Tim stretta fra Vivendi e l'ammutinamento dei dipendenti

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (4314 voti)
Settembre 2017
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
Tutti gli Arretrati


web metrics