Il palmare della Lioce

Riusciranno a decrittare i dati contenuti nel palmare della brigatista rossa Nadia Lioce?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-11-2003]

I giornali hanno già parlato, lungamente, dell'arresto dei componenti delle nuove Brigate Rosse, accusati di aver commesso l'omicidio del Prof. D'Antona. Secondo quanto si è appreso, sarebbero stati determinanti per le indagini il ritrovamento di schede prepagate che venivano utilizzate dai componenti del gruppo terroristico e, soprattutto, i dati contenuti nel palmare trovato in possesso a Nadia Lioce, la brigatista rossa; qui ci sarebbero stati i numeri di utenze telefoniche mobili cosidette "di servizio" utilizzate per la rivendicazione, via e-mail, degli attentati.

Ora c'è una parte dei dati contenuti nella memoria del palmare che sarebbero ancora criptati. Alcuni mesi fa si disse che gli inquirenti si sarebbero rivolti alla Psion per la decrittazione e che avrebbero ricevuto un rifiuto, in nome del diritto alla privacy; secondo un'altra versione, invece, nemmeno la Psion avrebbe le chiavi per "aprire" la protezione.

Il palmare poi sarebbe stato consegnato all'Fbi, che ora dovrebbe riuscire nella decrittazione, anzi pare che ci sia già riuscito e che quindi dovrebbero emergere nuovi fatti. Quale sarà la verità?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

Antonio Glessi
Come dice Crichton... Leggi tutto
9-11-2003 08:36

Matteo
eh eh Leggi tutto
8-11-2003 16:29

Pier Luigi Tolardo
Solo una precisazione.... Leggi tutto
8-11-2003 15:35

Allibito
Mah, secondo me possiamo stare tranquilli... Leggi tutto
8-11-2003 14:16

Stefano Barni
si sfugge, si sfugge :-) Leggi tutto
6-11-2003 08:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai installando un'applicazione. Cosa fai quanto compare il contratto di licenza?
Lo leggo attentamente e poi faccio click su “Accetto”
Do un sguardo al testo e poi accetto
Dipende dall'applicazione. A volte leggo il contratto di licenza
Non leggo mai il contratto di licenza. È davvero indispensabile?
Leggo il contratto di licenza dopo aver installato l'applicazione

Mostra i risultati (1232 voti)
Luglio 2020
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Tutti gli Arretrati


web metrics