Sconcerto e preoccupazione per norma su telemarketing

Hanno legalizzato ciò che prima era vietato e tutti facevano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2017]

telemarketing

Antonello Soro, Garante per la Privacy, ha rilasciato a Zeus News la seguente dichiarazione:

"Suscita sconcerto e preoccupazione la norma, contenuta nel testo del Ddl concorrenza, relativa al telemarketing. Essa elimina il requisito del consenso preventivo per le chiamate promozionali, "liberalizzando" il fenomeno del telemarketing selvaggio e prevedendo come unica forma di tutela dell'utente la possibilità di rifiutare le sole chiamate successive alla prima".

"Si tratta di una soluzione diametralmente opposta a quella - fondata sul previo consenso all'interessato - ampiamente discussa nella Commissione di merito dello stesso Senato, indicata dal Garante e, in  apparenza, largamente condivisa".

"La norma peraltro risulta incoerente con la linea di maggiore tutela seguita dalla stessa Commissione nell'ambito dell'esame del Ddl sul Registro delle opposizioni".

"Prendo atto del fatto che ancora una volta il legislatore intervenga sul Codice della privacy nel segno dell'estemporaneità, rendendo ancora più difficile l'attività di contrasto delle incontenibili violazioni in questo settore".

Zeus News ha ricevuto anche il commento di Vincenzo Donvito, presidente Aduc:

"Nel ddl concorrenza c'è anche il telemarketing, che è ritornato ad essere legalmente terra di nessuno. “Legalmente”, per l'appunto. Perché se con le nuove norme (che il Garante della Privacy giustamente attacca) non c'è più bisogno del consenso per telefonarti in qualunque momento per proporti tutto ciò che è vendibile, non è che prima -quando il consenso era obbligatorio (solo per il telefono fisso)- ti risparmiavano. Lo facevano lo stesso: i venditori violavano la legge e contavano sul fatto che siccome per farsi valere era abbastanza macchinoso e costoso, il costo di quei pochi che ricorrevano e a cui veniva riconosciuta ragione, era serenamente sopportabile".

Sondaggio
La NSA non spiava solo i cittadini USA ma anche i governi di Francia, Germania e Italia. Qual è la tua reazione di fronte a questa notizia? (se vuoi dare risposte multiple o commentare ulteriormente, usa il forum)
Sono profondamente indignato: come si sono permessi?
Sono stupito che gli USA siano arrivati a questo punto.
In fondo lo fanno per prevenire gli attentati; quindi li giustifico, almeno parzialmente.
Non mi sorprende. E' da un po' che l'Europa non conta più un tubo.
Accidenti! Avranno ascoltato anche le telefonate con la mia fidanzata/o.
I nostri politici non hanno nulla di più importante di cui preoccuparsi?
Lo so perfino io che i telefoni sono spiati, figuriamoci i terroristi.
Avevano ragione quelli di Zeus News, quando già nel 2001 scrivevano di Echelon.

Mostra i risultati (3006 voti)
Leggi i commenti (15)

"È uno dei peggiori aspetti della cosiddetta nuova economia: giocare all'ingrosso, con la legalità che è solo un optional rispetto al business, disposti a violarla e pagarne lo scotto: il business che entra dall'illegalità è comunque molto superiore al costo delle sanzioni per le violazioni. Tutto questo è accaduto perchè le sanzioni delle Autorità preposte in merito (Antitrust e Garante Privacy, per eccellenza) sono ridicolmente basse e pagabili (quando non sono anche ridimensionate o annullate dai vari ricorsi al Tar o Consiglio di Stato) rispetto agli introiti complessivi dal business da telemarketing; come una sorta di pedaggio/tassa/pizzo per il proprio business".

"Abbiamo sempre chiesto sanzioni collegate in percentuale al fatturato di chi violava le norme, sì da far pensare due volte a chi voleva continuare in questo uso economico dell'illegalità, ma siamo sempre stati ignorati. Bene, oggi il Parlamento e il legislatore ci hanno messo una pietra sopra. Hanno deciso che l'illegalità divenga legalità, e l'hanno deciso contro i consumatori e la loro serenità di ascolto e giudizio, senza la quale sono violentati nella loro funzione socio-economica".

"La vecchia norma limitava la richiesta di consenso solo per i telefoni fissi, e in diversi chiedevano che fosse esteso anche ai portatili. Ma evidentemente le aziende di telemarketing e i loro utilizzatori “pagano” di più dei consumatori. E il nostro governo/legislatore sembra essere più sensibile a chi paga e non al diritto alla serenità. Prendiamone atto".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Anch'io, dopo la prima chiamata blocco il numero e amen, sul telefono di casa, da quando sono stato costretto a cambiare numero alcuni anni fa, per necessità tecniche legate al cambio di operatore, di chiamate di telemarketing ne ricevo pochissime. Se poi l'interpretazione data da colemar è quella giusta - non ho avuto ne modo ne tempo... Leggi tutto
13-5-2017 14:43

Io, li metto nella lista nera, e ci godo quando ogni tanto leggo le chiamate bloccate, tutti numeri fissi, da città con cui nulla avrò mai a che fare. Non gli do neanche il beneficio del dubbio, metto giù, e lista nera. Come ho bloccato tutte le chiamate con numero nascosto o sconosciuto. Pensate che una volta mi sono vista chiamare dal... Leggi tutto
10-5-2017 13:10

C'è un equivoco di fondo poiché l'emendamento è stato interpretato erroneamente da qualcuno (probabilmente gli organizzatori della campagna contro il telemarketing) e poi tutta la stampa e persino il garante della privacy si sono accodati. Se si legge con calma e attenzione l'emendamento, si può concludere che esso non abroga in alcun... Leggi tutto
10-5-2017 09:40

{kahhhtt (il colpo di to}
Da quando in qua si pretende che i ladri emettano una legge contro i malfattori ?
9-5-2017 14:01

{Beppe}
Ancora una volta, se c'era ancora bisogno, si conferma che il legislatore, ma in realtà la politica, privilegia le lobby e le multinazionali, a scapito dei cittadini, che vengono ridotti a dei meri consumatori. Una sensazione di disgusto e impotenza.
8-5-2017 11:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1276 voti)
Maggio 2021
WhatsApp cambia le regole, ma niente panico
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 maggio


web metrics