Ransomware, l'epidemia dei nostri giorni

Quanto danno il ransomware può causare soprattutto alle piccole e medie imprese? Le principali preoccupazioni degli utenti e 4 consigli per difendersi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2017]

ransomware

Ogni pochi anni una nuova minaccia emerge e diventa il metodo preferito di attacco da parte dei cybercriminali. Non tanto tempo fa, nei titoli dei giornali erano ricorrenti gli accenni alle APT (advanced persistent threat) e le organizzazioni di ogni genere erano continuamente impegnate a dare la caccia ai criminali che si nascondevano nelle loro reti.

Dopo il phishing, il ransomware è senza dubbio il tipo di attacco più di successo e profittevole per i cybercriminali. Si calcola che solo lo scorso anno il ransomware sia costato alle vittime circa 1 miliardo di dollari in tutto il mondo.

Gli attacchi ransomware cui abbiamo assistito recentemente rappresentano una minaccia ancora più pericolosa. Anziché chiedere denaro e andarsene, alcune varianti non si limitano a criptare i dati ma li cancellano, senza alcuna possibilità di recuperarli. A questo punto viene da domandarsi quale sarà il prossimo passo. Magari una nuova tattica che obbliga la vittima a pagamenti ricorrenti per mantenere la disponibilità dei suoi dati conosciuta come "protectionware"?

L'impatto di questi attacchi è potenzialmente di vastissima portata. Non sono solo i soldi a essere a rischio, ma anche la reputazione dell'azienda, la sua sopravvivenza e i posti di lavoro. Gli effetti possono essere devastanti, soprattutto per una piccola impresa che difficilmente dispone delle risorse necessarie per un ripristino rapido. A parte l'aspetto finanziario, ci sono effetti a cascata sul business. Ecco qualche esempio:

Un dipartimento di polizia in Texas colpito da un ransomware perde otto anni di prove. Possibile scarcerazione per molti malviventi.

La San Francisco Municipal Transit Authority ha dovuto sospendere per due giorni il suo sistema di ecommerce con un danno di 50.000 dollari in mancati guadagni.

La polizia di Washington DC ha perso il controllo del 70% delle telecamere di sorveglianza: a rischio la sicurezza della cerimonia di insediamento del presidente Trump.

Data la rilevanza di questa minaccia, Barracuda ha voluto approfondire la questione. Lo scorso aprile ha condotto un breve sondaggio incentrato sul ransomware cercando di capire quali siano le principali preoccupazioni degli utenti e quanto danno possa fare soprattutto nelle medie imprese. Sono state raccolte più di 1.000 risposte da organizzazioni fino a 1.000 dipendenti in Europa e nelle Americhe: la percentuale maggiore di aziende intervistate era nella fascia 101-250 dipendenti (18,1%).

I risultati sono illuminanti. Chiaramente la stragrande maggioranza (92%) si dice preoccupata del fatto che la propria azienda possa essere colpita dal ransomware. E i timori sembrano fondati giacché quasi la metà degli intervistati (47%) ammette di essere già stato vittima di tali attacchi.

Di questi, il 59% non è stato in grado di identificare l'origine dell'attacco. Sfortunatamente, ma non è una sorpresa, molte aziende sono spesso inconsapevoli non solo di dove sia avvenuta la violazione ma addirittura del fatto che la loro rete sia stata violata. Tuttavia, del 41% che è stato in grado di identificare la fonte, il 76% riferisce che l'attacco è avvenuto attraverso la mail.

Sondaggio
Quali di questi dati ti spiacerebbe perdere di più?
Dati finanziari e di pagamento
Documenti relativi al lavoro
Email personali
Email di lavoro
Messaggi personali (SMS, Whatsapp ecc.)
Foto dei miei bambini
Foto dei viaggi
Foto private o particolari o sensibili di me stesso
Foto private o particolari o sensibili del mio partner
Altre foto (non sensibili)
Note e documenti personali
Password
Rubrica degli indirizzi o dei contatti telefonici
Scansioni di passaporti, patenti, assicurazioni e altri documenti personali

Mostra i risultati (1645 voti)
Leggi i commenti (30)

La posta elettronica continua a essere lo strumento di comunicazione più usato nel lavoro e, di conseguenza, il più comune vettore di minacce. Questi dati sottolineano l'importanza di una sicurezza a livelli per la posta: a livello del gateway, per i messaggi interni e naturalmente per una delle aree più frequentemente trascurate: la formazione del personale che rappresenta l'anello più debole quando si tratta di protezione di minacce come il ransomware.

I risultati sono particolarmente interessati restringendo il campo agli utilizzatori di applicazioni SaaS, in quanto sono correlati alle funzioni di sicurezza già presenti in queste applicazioni. Il 70% degli intervistati, ad esempio, non crede che Microsoft Office 365 soddisfi i loro criteri di protezione dal ransomware, il che evidenzia il valore di soluzioni di sicurezza di terze parti.

Circa il 60% degli intervistati usa infatti soluzioni di sicurezza di terze parti per potenziare le funzioni di sicurezza native: in pratica appare chiaro che le aziende si sentono sicure solo affiancando alle applicazioni soluzioni di sicurezza esterne.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Come proteggersi dai rischi del ransomware: 4 consigli

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Che nel mondo Mac ci siano meno minacce è certo - del resto è preferibile attaccare l'80% dei PC piuttosto che il 20% - ma non è assolutamente vero che non ce ne siano anzi - vedi link - ed è proprio questa certezza assoluta che, a volte, espone più facilmente gli utenti Mac ad essere esposti a rischi che ritengono non appartenere al... Leggi tutto
5-8-2017 15:38

{MoDi}
Oppure usate un Mac: non esistono al momento virus attivi in grado di replicarsi, nè ransomware efficaci. Gli interventi di Apple in fatto di sicurezza sono sempre tempestivi. Poi la falla ci può sempre essere ed è buona regola non abbassare mai la guardia, ma rispetto al mondo windows... è tutto un altro... Leggi tutto
14-6-2017 07:27

Ritengo che il suggerimento principale da tenere in considerazione sia il quarto poiché, a causa del fatto che il terzo, come peraltro ben esemplificato da eratostene, non può dare garanzie e, in caso di attacco, l'anello più debole della catene è l'essere umano che prima o poi ci cascherà, diventa fondamentale poter recuperare i dati e... Leggi tutto
10-6-2017 18:28

potrai essere "informato quanto ti pare" ma quando in una azienda basta che un dipendente su tot apra un messaggio sbagliato si capisce l'estrema vulnerabilità... poi ci sono quelli che "non ci credono" a queste cose. Ed il risultato è stato tragico. Una mia amica era in vacanza e aprì una mail che le era arrivata... Leggi tutto
28-5-2017 09:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (4040 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 13 agosto


web metrics