Tecnologie e millennials, come cambia l'ambiente di lavoro



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-06-2017]

millennials

Le tecnologie digitali da una parte e il ricambio generazionale della forza lavoro dall'altra stanno trasformando il modo di comunicare e collaborare in azienda, impattando profondamente sul tradizionale ambiente di lavoro.

Desktop computer, telefoni fissi, armadi, stampanti, fotocopiatrici e sale riunioni confinate in uno spazio statico chiamato ufficio stanno via via lasciando il posto a un ecosistema multidevice composto da smartphone, tablet e notebook in grado di accedere in modalità wireless a dati, applicazioni e soluzioni di videoconferenza che risiedono nel cloud.

I millennials stanno subentrando ai baby boomers, portando una cultura innovativa nel mondo professionale: dalla capacità di bilanciare in modo equilibrato lavoro e vita privata la focalizzazione si è spostata sull'abilità di integrare in modo intelligente lavoro e vita privata, e quindi sulla ricerca di una flessibilità tale da permettere di essere produttivi ovunque, in ogni momento, con qualsiasi dispositivo. In linea con quel concetto di "lavoro agile" espresso ora anche dalla nuova legge italiana sullo smart working "per incrementare la competitività e agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro".

Questo cambiamento nell'atteggiamento della forza lavoro sta condizionando fortemente le scelte organizzative delle imprese, che ora necessitano di ridefinire i processi per assecondare e soprattutto ottenere il massimo da un ambiente di lavoro, il cosiddetto workplace, più mobile e flessibile. È un percorso che è parte essenziale della trasformazione digitale aziendale.

Sondaggio
Come hai trovato il tuo attuale (o ultimo) lavoro?
Tramite un'agenzia.
Tramite un collega.
Con l'invio del curriculum direttamente all'azienda.
Grazie a referenze e presentazioni tramite un amico o un parente o un amico dell'amico.
Online sui siti di recruiting o grazie ai social network

Mostra i risultati (1400 voti)
Leggi i commenti (9)

La trasformazione del workplace è del resto guidata proprio dagli stessi driver che stanno alla base dell'enterprise digital transformation: maggiore agilità, migliore esperienza e soddisfazione, maggiore collaborazione, tempi di risposta e decisionali più rapidi, incremento della produttività, ottimizzazione dei processi, aumento dei ricavi.

Uno dei punti chiave della trasformazione del workplace è l'abilità dell'azienda di diventare mobile. Quell'anytime & anywhere productivity on any device diventerà infatti sempre più una caratteristica della nuova forza lavoro se è vero che gli ultimi studi condotti da IDC indicano che la popolazione europea di mobile worker crescerà da 97 milioni di unità nel 2016 a 120 milioni nel 2021, e che la quota sulla forza lavoro complessiva salirà dal 53% al 63% nello stesso periodo.

Il cloud rappresenterà il canale principale con cui verranno erogati i servizi a questa nuova forza lavoro. IDC stima che il mercato delle applicazioni di collaborazione - parte fondamentale del corredo operativo dei futuri lavoratori - non solo si svilupperà con tassi di crescita importanti - ma si sposterà quasi del tutto sul cloud: nel 2021, sempre in Europa, l'80% del giro d'affari di questo mercato deriverà proprio dal public cloud.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Ovvero, se prima si riusciva ad ottenere, magari con fatica e non con continuità una separazione fra il lavoro e la vita personale, con questa nuova filosofia non sarà più possibile farlo e chi lavora dovrà essere disponibile e pronto a lavorare 24 ore su 24... Grande conquista! :roll: Leggi tutto
17-6-2017 19:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è lo strumento di informazione di cui ti avvali di più?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (3193 voti)
Febbraio 2023
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 febbraio


web metrics