Vita personale e lavoro: equilibrio o integrazione?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-06-2017]

workers

Secondo i risultati del recente sondaggio The Way We Work condotto da Unify su 9.000 knowledge worker volto a conoscere le preferenze dei dipendenti in tema di modalità di lavoro, ben il 70% degli intervistati ha confermato che vorrebbe mantenere sempre separati vita personale e lavoro.

E questo risultato non cambia in base all'età, persino le generazioni più giovani e "sempre connesse" desiderano mantenere tale distinzione. Infatti, il 64% dei ragazzi tra i 16-24 anni e gli over 55, con il 74% dichiarano di privilegiare questa separazione.

Quello che è innegabile è che il mondo del lavoro si evolve rapidamente. Il 74% degli intervistati ritiene che la tecnologia, Internet e i social media abbiano cambiato radicalmente il modo in cui ci comportiamo in ufficio e che l'ambiente di lavoro ideale deve essere innovativo e stimolante.

Il "posto" di lavoro ha perso importanza: il 69% dei dipendenti conferma che avere un luogo fisico è meno prioritario che in passato e il 49% dichiara che la sua azienda si avvale di tecnologia e strumenti di comunicazione piuttosto che di uffici e sedi, tant'è che la maggioranza desidera aumentare il tempo trascorso fuori dal tradizionale ambiente lavorativo.

Non solo, il 52% afferma di operare in team virtuali molto più di frequente che in passato e il 42% ritiene che questo tipo di collaborazione può essere addirittura più efficace rispetto ai tradizionali incontri fisici. In questo contesto, viene evidenziata anche l'importanza del video: il 68% degli intervistati ne conferma la validità se associato all'audio.

Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2321 voti)
Leggi i commenti (17)

Quindi, la tecnologia appare alla base della rivoluzione del posto di lavoro. Emerge chiaramente il desiderio della forza lavoro di poter godere di una superiore flessibilità, che non solo garantisce un miglior equilibrio tra vita personale e lavorativa, ma anche una maggiore creatività e la possibilità di attingere a competenze diverse, oltre a favorire il processo decisionale.

unify2

I dati della ricerca trovano corrispondenza anche in Italia. Secondo l'Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano sono già 250mila (circa il 7% del totale di impiegati, quadri e dirigenti) gli "smart worker" che possono definire a propria discrezione dove, quando e con quali strumenti lavorare.

Nel nostro Paese, a formare questo gruppo sono per lo più uomini (69%) con un'età media di 41 anni, residenti al Nord (52%, contro il 38% al Centro e il 10% al Sud), che apprezzano particolarmente i benefici nello sviluppo professionale, nelle prestazioni lavorative e nel work-life balance di questa nuova modalità di lavoro rispetto a coloro che operano secondo quelle tradizionali.

unify3

In qualità di fornitore di servizi di comunicazione e collaborazione, cosa dovremmo dedurre da questi risultati?

• Basta parlare di integrazione tra vita e lavoro: i knowledge worker desiderano una netta distinzione tra le due cose e vorrebbero poter disporre delle tecnologie necessarie per mantenere questa separazione;

unify4

• I dipendenti riconoscono che la tecnologia è un asset prezioso e faranno uso tutti gli strumenti a loro consentiti per scegliere il modo di lavorare;

• Ci saranno sempre momenti in cui il lavoro sconfinerà nel "tempo personale", ma le nuove tecnologie disponibili permettono di svolgere la propria attività senza imporre una determinata presenza fisica.

A cura di Sandro Profeti, Unify Italy

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Personalmente mi inquieta il fatto che solo e non ben E' preoccupante che ben il 30% ovvero un terzo degli intervistati non si preoccupi dai mantenere separati questi due aspetti della vita. Mi trovo anche d'accordo con i commenti di chi mi ha preceduto in questo thread. Leggi tutto
25-6-2017 18:30

Tristemente vero. Il baricentro della nostra società è sul denaro. Anzi, ad essere più precisi, SULL'AUMENTO di denaro. Chiaro che, a lungo andare, sia la persona sia il LAVORO (l'altro illustre assente dei tempi moderni) perdono importanza e sono messi in disparte. Purtroppo è evidente che tutto ciò non può che portare ad alienazione... Leggi tutto
14-6-2017 08:20

{aldo}
Quello che ho notato nella mia professione è che dopo una vita di lavoro le persone trovano solo il vuoto, troppo spesso. Un vuoto sociale, dove hanno perso il (grande o piccolo) potere lavorativo. Un vuoto personale, quando la persona è sufficientemente consapevole, dovuto alla "scoperta" di aver buttato via la... Leggi tutto
13-6-2017 19:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5089 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics