No More Ransom, 28mila dispositivi decriptati

Il bilancio di un anno di attività dell'iniziativa Europol.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2017]

nomoreramson

Un anno fa, il 25 luglio 2016, veniva lanciata l'iniziativa No More Ransom da Europol, forze dell'ordine olandesi, McAfee e Kaspersky Lab. Oggi ci sono più di 100 partner e i principali attacchi ransomware continuano a dominare la scena colpendo le imprese, i governi e gli individui di tutto il mondo.

Dal 2012 i ransomware sono aumentati grazie al fatto che i criminali sono sempre più attratti dalla promessa di un profitto e dalla facilità con cui questi attacchi possono essere messi in pratica. La minaccia continua a evolversi e diventa sempre più furtiva e distruttiva, prendendo sempre più di mira le imprese piuttosto che i privati poiché il rendimento potenziale è molto più alto.

Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1334 voti)
Leggi i commenti (33)

L'attacco indiscriminato di WannaCry effettuato a metà maggio, nei suoi primi giorni, ha rivendicato più di 300.000 vittime tra le aziende di 150 paesi, paralizzando le infrastrutture critiche e le imprese. Alcune organizzazioni stanno ancora lottando per riprendersi dagli attacchi di ExPetya del 27 giugno.

Il numero totale di utenti che hanno rilevato ransomware tra aprile 2016 e marzo 2017 è aumentato dell'11.4% rispetto ai 12 mesi precedenti, da 2.315.931 a 2.581.026 utenti in tutto il mondo1.

Il sito No More Ransom contiene 54 tool di decriptazione, forniti da 9 partner e coprono 104 tipi (famiglie) di ransomware. Finora, questi tool sono riusciti a decriptare più di 28.000 dispositivi, privando i criminali informatici di circa 8 milioni di euro in riscatti.

Il portale ha contato oltre 1,3 milioni di visitatori unici. Solo il 14 maggio, durante la crisi di WannaCry, 150.000 persone hanno visitato il sito web.

No More Ransom vanta 109 partner. Tra i nomi più recenti nel settore privato ci sono: Abelssoft, Ascora GmbH, Barclays, Bitsight, Bournemouth University (BU), CERT.BE, Claranet, CSA Singapore, ESTSecurity, Fortinet, Global Forum on Cyber competenze (GFCE), InterWorks, IPA, KISA (Korean Internet & Security Agency), TWCERT/CC, LLC, Università di Porto e vpnMentor. Quattro nuove forze di polizia hanno aderito per i paesi di Repubblica Ceca, Grecia, Hong Kong e Iran.

Il successo dell'iniziativa è un successo condiviso, che non si sarebbe potuto realizzare se le forze dell'ordine o il settore privato avessero operato da soli. Solo unendo le forze, è possibile individuare i criminali e impedire loro di danneggiare persone, imprese e infrastrutture critiche.

Le forze dell'ordine a livello mondiale, in stretta collaborazione con partner privati, stanno indagando sui criminali che si nascondono dietro i ransomware e sulle loro infrastrutture. Tuttavia, prevenire è senza dubbio meglio che curare.

In primo luogo sono gli utenti di Internet che devono stare attenti e evitare di essere vittima di questi attacchi. Nel caso si venga colpiti da questa minaccia è importante non pagare il riscatto e segnalare l'infezione alla polizia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Studenti e lavoratori in smart working nel mirino dei ransomware
Arrestato l'hacker che fermò WannaCry

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (1107 voti)
Giugno 2021
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics